ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

B-52 statunitense sorvola un'isola artificiale cinese, Pechino protesta

Il Pentagono promette alla Cina di indagare sullo sconfinamento del proprio cacciabombardiere B-52 in missione di routine nel Mare della Cina

Lettura in corso:

B-52 statunitense sorvola un'isola artificiale cinese, Pechino protesta

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Pentagono promette alla Cina di indagare sullo sconfinamento del proprio cacciabombardiere B-52 in missione di routine nel Mare della Cina meridionale. Pechino ha protestato formalmente per l’episodio.

Il velivolo statunitense avrebbe volato involontariamente sopra le acque reclamate dalla Cina e sulle quali si trova una delle sue isole artificiali. Ma la questione è spinosa poiché le isole Spratly sono al centro di interessi di vari Paesi e Washington contesta la sovranità cinese nell’area.

In questo caso le cattive condizioni meteorologiche avrebbero indotto il pilota americano a cambiare rotta. Ma la presenza di mezzi statunitensi nell’area è di per sé considerata una provocazione da Pechino. In altre occasioni il Pentagono ha condotto quelle che definisce “operazioni per la libertà di navigazione” e che per la Cina sono atti di sfida.

Ad ottobre la marina americana aveva inviato una nave da guerra entro 12 miglia nautiche dalle due isole artificiali realizzate da Pechino, mentre a maggio una nave cinese si era scontrata con un peschereccio vietnamita.