ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Strasburgo, il terrore non chiude il mercato di Natale

Dopo gli attentati di Parigi, la sede di Strasburgo del Parlamento europeo ha aumentato le misure di sicurezza. In particolare per questa settimana

Lettura in corso:

Strasburgo, il terrore non chiude il mercato di Natale

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo gli attentati di Parigi, la sede di Strasburgo del Parlamento europeo ha aumentato le misure di sicurezza. In particolare per questa settimana, in cui nella città francese si tiene la sessione plenaria mensile.

Agenti di sicurezza pattugliano il perimetro attorno il palazzo e ogni veicolo è controllato. Ma non basta. Dei tendoni sono stati allestiti davanti gli ingressi principali per poter controllare i documneti di ogni persona che entra ed esce dall’edificio.

“Abbiamo ridotto il numero delle entrate e delle uscite utilizzate normalmente dai dipendenti e dai deputati stessi. Direi comunque che la situazione qui è molto diversada quella che vive ora Bruxelles” afferma il Portavoce del Parlamento Ue Jaume Duch

Le misure di sicurezza a Strasburgo non riguardano, però, soltanto la sede dell’istituzione europea, ma anche altri luoghi definiti sensibili. Tra questi, il mercato di Natale, che aprirà le sue bancarelle annuali venerdì. Il sindaco della città Roland Ries è intenzionato a chiedere al Ministero dell’Interno rinforzi militari e delle forze di polizia, che a Euronews dichiara:“Al momento abbiamo previsto soltanto il controllo delle borse di chi accede al mercato, per evitare che vi accedano persone armate”.

Al pari di quanto accade in Belgio e in altre città francesi, anche il Comune di Strasburgo ha deciso in via precauzionale di cancellare alcuni eventi e manifestazioni, lasciando al momento inalterata invece l’apertura del mercato natalizio. Una decisione sostenuta dai commercianti.“E’ una tradizione. Non la interromperemo a causa di un gruppo che intende fare caos nel mondo” dichiara uno di loro a Euronews. Stesso tono per un’altra commerciante del centro:“Pensiamo tutti i giorni a possibili attentati, ma si deve pur continuare a vivere”.
A Strasburgo la vita continua, come testimoniano gli addobbi natalizi che ricoprono le vie del centro.