ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La svolta Labour non è solo Corbyn, a Londra il candidato sindaco è musulmano

Il partito laburista britannico ha eletto un musulmano progressista come candidato a sindaco della capitale. Londra si appresta ad eleggere il nuovo

Lettura in corso:

La svolta Labour non è solo Corbyn, a Londra il candidato sindaco è musulmano

Dimensioni di testo Aa Aa

Il partito laburista britannico ha eletto un musulmano progressista come candidato a sindaco della capitale. Londra si appresta ad eleggere il nuovo primo cittadino il prossimo 5 maggio, quando il conservatore Boris Johnson lascerà il suo incarico. Mentre i partiti minori, LibDem, UKIP, Green party, hanno già nominato i loro candidati, il partito laburista e quello conservatore scelgono il loro candidato attraverso elezioni primarie.

Il vincitore delle primarie del Labour Party, annunciato lo scorso 11 settembre, è il deputato Sadiq Khan. Contro ogni previsione, l’esponente laburista ha schiacciato la concorrenza interna al partito, ottenendo il 58,9% dei voti nonostante altri 4 candidati.

Sadiq è di origine pachistana ed è un musulmano praticante. Nato e cresciuto nella capitale britannica, è figlio di un ex conducente di autobus e di una sarta. Dopo essere diventato avvocato per i diritti civili ha rappresentato Tooting, il suo quartiere di origine, come deputato nel 2005 e nel 2010.

Da londinese e grande sostenitore della sua città d’origine, ha incenrato la sua campagna elettorale sul mito della Londra di qualche anno fa, quando c’erano opportunità per tutti e la City rappresentava un luogo dove realizzarsi e poter cambiare il proprio futuro. Lo stesso luogo che ha permesso ai suoi genitori immigrati dal Pakistan di costruirsi una vita nel Regno Unito.

Nella sua campagna elettorale, Khan ha enfatizzato la necessità di creare alloggi accessibili alla maggior parte dei londinesi spremuti fra affitti altissimi e mutui spesso inavvicinabili, promette anche di ridurre il costo dei trasporti pubblici e di migliorare la qualità dell’aria riducendo il livello d’inquinamento, tra i più alti in Europa.

La candidatura laburista di Khan potrebbe rappresentare una svolta decisiva nella storia della città di Londra. Se dovesse vincere le elezioni, la capitale britannica diventerebbe la più grande città occidentale con un sindaco musulmano, sostituendo Rotterdam dove nel 2009 il marocchino Ahmed Aboutaleb è diventato primo cittadino.

In una città dove la concentrazione di musulmani immigrati è tra le più alte al mondo, Londra è un caleidoscopio di colori, religioni, e lingue che la rendono estremamente diversificata. L’elezione di Khan la consacrerebbe definitivamente come simbolo mondiale del “melting pot”.

la sua vittoria alle primarie ha anche confermato il cambio di rotta del partito laburista. La schiacciante vittoria di Jeremy Corbyn ha spostato la guida dei Labour verso la sua inclinazione più radicale e progressista, eleggendo uno dei leader più ‘antisistema’ della sua storia. Inoltre, la sconfitta della candidata centrista, ed ex ministro, Tessa Jowel, nella corsa a primo cittadino londinese, rende sempre più chiaro il distacco dall’ala blairiana del Labour Party.

Il candidato conservatore a sindaco di Londra verrà annunciato entro fine settembre in seguito ad una votazione online. Il favorito, secondo la stampa britannica, è il deputato di Richmond Zac Goldsmith. Tra i 4 finalisti, c‘è un altro musulmano figlio di immigrati, Syed Kamall, leader dei conservatori britannici nel parlamento europeo.

APPROFONDIMENTI

La pagina web di Sadiq Khan

Le reazioni della stampa inglese