ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Polonia: il mistero del treno nazista carico d'oro

Due anonimi 'trovatori' chiedono il 10% del valore della merce, ma del convoglio nessuna traccia

Lettura in corso:

Polonia: il mistero del treno nazista carico d'oro

Dimensioni di testo Aa Aa

Un treno carico di oggetti preziosi trafugati dal Terzo Reich sarebbe stato ritrovato dopo 70 anni di oblio.

La storia arriva da Breslavia, città polacca un tempo tedesca e i protagonisti sono un cittadino polacco e uno tedesco, rimasti anonimi. Del treno, usato dai nazisti per evitare che i tesori cadessero nelle mani dell’Armata Rossa, però ancora nessuna traccia.

“Non sono cercatori d’oro o persone in cerca di popolarità – dice Jaroslaw Chmielewsky, il rappresentate legale dei due uomini – ma solo le persone che hanno una significativa conoscenza della regione”.

In cambio delle informazioni sul luogo della scoperta, i due trovatori hanno chiesto la garanzia di ricevere parte del tesoro in una lettera recapitata alla sede dell’amministrazione provinciale di Walbrzych.

“Ci hanno inviato una lettera nella quale chiedono il 10% del valore della merce contenuta nel treno – spiega Marika Tokarska, assistente del governatore distrettuale di Walbrzych – così abbiamo il sospetto che queste persone sappiano cosa ci sia nei vagoni”.

Secondo alcuni esperti, il convoglio sarebbe lungo 150 metri e conterrebbe un tesoro di 300 tonnellate.

L’unica certezza è che nella zona i tedeschi hanno costruito, sotto le montagne, diversi tunnel per nascondervi interi convogli. Tutto fu abbandonato in fretta di fronte all’avanzata dei russi.