This content is not available in your region

Principessa delle Asturie: premio a Charpentier e Doudna

Access to the comments Commenti
Di Daniela Castelli
Principessa delle Asturie: premio a Charpentier e Doudna

<p>Emmanuelle Charpentier, francese, e Jennifer Doudna, americana, hanno vinto il premio Principessa delle Asturie consegnato giovedí ad Oviedo, in Spagna pe rla categoria Ricerca Scientifica e Tecnica. </p> <p>La giuria, in questa trentacinquesima edizione era presieduta dal fisico spagnolo, Pedro Miguel Echenique Landiribar: “Entrambe le ricercatrici hanno studiato il modo in cui certi batteri si difendono dai virus che li infetta, distruggendo il suo <span class="caps">DNA</span>, riconoscendo alcune caratteristiche specifiche. Questa metodologia permette di cancellare, attivare, disattivare e anche correggere qualsiasi gene, dando luogo a diverse applicazioni sia nella ricerca di base che in agricoltura, allevamento e biomedicina.”</p> <p>Emmanuelle Charpentier, 49 anni, ha scoperto il meccanismo che consente di intervenire chirugicamente sul <span class="caps">DNA</span>. Titolare della cattedra presso la Alexandre von Humboldt Foundation, insegna in tre istituti: Umea, Hanovre e Brunswick2. </p> <p>Jennifer Doudna, professoressa di Biochimica e Biologia alla University of California di Berkeley ha dedicato tutta la sua vita alla ricerca per rivelare i segreti del <span class="caps">DNA</span>. </p> <p>La tecnica <span class="caps">CRISPR</span> (clustered regularly interspaced short palindromic repeats) è in grado di alterare i genomi di intere popolazioni, intervenendo tramite un polimero organico: il sistema sostituisce la sequenza di <span class="caps">DNA</span> difettosa con una versione sana.</p>