ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il centro di detenzione di Misurata stipato di clandestini

Per molti clandestini, la Libia è solo un punto di passaggio. La maggior parte dei migranti che si avventurano sul Mediterraneo provengono infatti da

Lettura in corso:

Il centro di detenzione di Misurata stipato di clandestini

Dimensioni di testo Aa Aa

Per molti clandestini, la Libia è solo un punto di passaggio. La maggior parte dei migranti che si avventurano sul Mediterraneo provengono infatti da Paesi dell’Africa centrale o dal Medio Oriente. In un centro di detenzione del porto di Misurata sono ammassati centinaia di clandestini che le autorità libiche sono riuscite a catturare.
“Se lo Stato non interviene con decisione – dice il direttore dell’Ufficio di deportazione -, se le organizzazioni umanitarie e i Paesi interessati dall’emigrazione clandestina non si mettono d’accordo fornendoci le risorse necessarie, temiamo che possa scoppiare una crisi umanitaria ancora più grave”.
In questo centro di detenzione si trovano circa mille migranti che provengono da Somalia, Sudan, Nigeria e Eritrea.
“Sono uno studente e vengo dalla Somalia. Il mio Paese è in guerra e non c‘è nulla da fare. Per questo ho scelto di andare in Europa”.
Il problema è che la Libia stessa manca di un’autorità centrale stabile ed è devastata da un sanguinoso conflitto. Non ci sono quindi le condizioni per contrastare il traffico di esseri umani