ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kiev, tra i rifugiati fuggiti dall'orrore dell'est

I racconti della gente che ha lasciato le zone dove si combatte.

Lettura in corso:

Kiev, tra i rifugiati fuggiti dall'orrore dell'est

Dimensioni di testo Aa Aa

Kiev. Uno dei tanti campi che ospitano rifugiati provenienti dall’est. Molti di loro sono di Vuhlehirsk, città da tempo controllata dai separatisti. Sono qui ormai da maggio.Altri giungono negli ultimi giorni, dopo essere scappati dall’area di Debaltseve.

Per tutti la fuga precipitosa dal dramma.

Il racconto di Yasha, un ragazzino inevitabilmente già segnato dall’orrore che ha vissuto: “c’erano carri armati ovunque. Papà ha rallentato un attimo e c‘è stata un’esplosione proprio davanti alla macchina. Vedevamo volare frammenti sopra di noi, ma ne siamo usciti vivi. Poi papà ha cominciato ad andare molto forte, perché le esplosioni continuavano dietro di noi”.

Natalia, un’anziana rifugiata è riconoscente perché “ci hanno dato un tetto. Siamo contenti di stare qui. Non saremmo sopravvissuti altrimenti. Non possiamo andare a casa: lì sparano. Sembrava la situazione fosse più calma e invece è precipitata di nuovo. Qui possiamo mangiare. Ci danno del cibo”.

L’emergenza nel Paese sta assumendo dimensioni enormi. Quasi un milione gli sfollati che non hanno lasciato l’Ucraina, altri 600 mila hanno trovato riparo all’estero.
In questo centro sono dei volontari a occuparsi di tutto.

“I bambini – Dmytro Polonsky – dice il corrispondente di euronews che provengono da Vuhlehirsk possono rilassarsi e studiare normalmente. Qui non ci sono missili che fischiano nell’aria e possono dormire in un letto caldo”.