ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Charlie Hebdo torna in edicola e batte ogni record

3 milioni di copie vendute in meno di due ore, altre 2 milioni in stampa. Polverizzato il primato di France Soir all'indomani della morte del generale de Gaulle

Lettura in corso:

Charlie Hebdo torna in edicola e batte ogni record

Dimensioni di testo Aa Aa

Tre milioni di copie esaurite in meno di due ore, altre due milioni già stampate. In Francia, il fenomeno Charlie Hebdo ha prodotto, sin dall’alba, lunghe file davanti a edicole, tabaccai e librerie per l’acquisto di un numero storico, datato 14 gennaio 2015. Sette giorni dopo il massacro nella sede del settimanale satirico.

Point of view

Grazie a questo numero la grande maggioranza, tutti, scopriranno Charlie Hebdo, sapranno di cosa si tratta e cosa incarna

Un numero e una prima pagina partoriti tra le lacrime dei sopravvissuti del giornale.

“È stata dura eleborare questa prima pagina – spiega il vignettista Luz – come è stato duro ingoiare la morte dei nostri amici”.

Ospiti del quotidiano Libération, i giornalisti e i fumettisti di Charlie Hebdo hanno voluto a tutti costi far uscire il settimanale come d’abitudine, questo mercoledì. Una tiratura eccezionale, in Francia e in altri 25 paesi, compresa l’Italia.

“Grazie a questo numero la grande maggioranza, tutti, scopriranno Charlie Hebdo, sapranno di cosa si tratta e cosa incarna”, spiega Gérard Briard, capo redattore del settimanale.

Una tiratura di 5 milioni di copie. Un record assoluto per la Francia, che polverizza quello detenuto da France Soir – oltre 2 milioni di copie vendute all’indomani della morte del generale de Gaulle – Le file registrate mercoledì mattina non hanno precedenti nella memoria dei giornalai: “Una coda come questa davanti alla porta non l’ho mai vista – ricorda un rivenditore – In 20 anni che sono qui, non ho mai visto una cosa del genere”.

Abitualmente Charlie Hebdo vende tra le 30mila e le 60mila copie. Il numero 1178 per molti è stato il primo.

“Per me è stato importante comprarlo, perché oggi faccio conoscenza con Charlie Hebdo – dice un pensionato di Parigi – Forse mi spingerà a compralo anche in futuro e, in tutta franchezza, credo che oggi tutti i francesi compreranno Charlie Hebdo”.

“È della libertà di espressione”, dice un giovane
“Lei non è un lettore abituale di Charlie Hebdo?”, chiede la giornalista.
“No, ma lo sarò”, conclude.

“Bisogna comprare Charlie – aggiunge un lavoratore della capitale francese – Siamo tutti Charlie”.

Quasi come se fosse un dovere civico. Charlie Hebdo non molla, anzi, moltiplica: l’edizione è stata tradotta in 16 lingue, compreso l’arabo. Il ricavato andrà ai parenti delle vittime degli attentati di Parigi.