ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

TPI: 14 di carcere in appello a un warlord congolese

Lettura in corso:

TPI: 14 di carcere in appello a un warlord congolese

Dimensioni di testo Aa Aa

Confermata anche in appello la condanna nei confronti di Thomas Lubanga da parte del tribunale penale internazionale. 14 anni di carcere per crimini di guerra.

La sentenza è stata letta dal presidente del tribunale Erkki Kouroula.

Thomas Lubanga, 53 anni, è stato il capo di una milizia ribelle attiva nell’est della Repubblica Democratica del Congo. Secondo l’accusa tra il 2002 e il 2003 arruolò con la forza bambini soldato nella regione dell’Ituri. I maschi venivano rapiti dalle loro case, portati nei campi di addestramento e drogati. Le femmine subivano abusi sessuali.

Thomas Lubanga, Signore della Guerra che sfruttò 3mila bambini-soldato

Thomas Lubanga è la prima persona condannata dal tribunale dell’Aja.

54 anni, era il leader dell’Unione dei Patrioti Congolesi, una milizia che ha arruolato bambini-soldato durante i cinque anni di guerra che hanno insanguinato la Repubblica democratica del Congo fino al 2003, costati la vita a circa 60.000 persone.

“Ha commesso alcuni dei crimini più gravi secondo la comunità internazionale – ha detto in aula il Procuratore Luis Moreno-Ocampo – i crimini contro i bambini”.

Durante la Seconda Guerra del Congo, Lubanga ordinò massacri di matrice etnica nella provincia nord-orientale di Ituri, il cui capoluogo Bunia nel 2002 fu conquistato dai suoi adepti, che si resero responsabili di spaventose carneficine.

Le organizzazioni dei diritti umani rivelano che Lubanga è arrivato ad avere 3.000 bambini-soldato tra 8 e 15 anni.

Tra il novembre 2002 e il giugno 2003, l’UPC avrebbe ucciso 800 civili in base alla loro etnia nella regione delle miniere d’oro di Mongbwalu. Tra il 18 febbraio e il 3 marzo 2003, Lubanga ordinò la distruzione di 26 villaggi, uccidendo almeno 350 persone e forzando 60.000 persone a lasciare le proprie case.

Nonostante gli attivisti per i diritti umani abbiano denunciato che la milizia di Lubanga sia stata responsabile di stupri di massa nella regione di Ituri, il tribunale dell’Aja non ha condannato l’ex signore della guerra per questi reati.

Il giudice che ha presiduto il collegio giudicante, Adrian Fulford, in occasione della lettura della sentenza di condanna non ha mancato di criticare su questo aspetto, il Procuratore Luis Moreno-Ocampo.

Lubanga Rimarrà in cella fino al 2020.