ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La rinuncia all'ecotassa costerà 800 milioni

Lettura in corso:

La rinuncia all'ecotassa costerà 800 milioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Circa 180 portali di controllo sono stati installati su una rete di 15.000 km di strade nazionali e provinciali , in Francia , per l’applicazione della tassa ambientale che il governo ha appena sospeso dopo la rivolta popolare in Bretagna. In caso di abolizione definitiva della tassa, il costo per lo Stato ammonterebbe a 800 milioni di euro di risarcimento per la società Ecomouv responsabile della raccolta dell’ecotassa. Si deve aggiungere poi il costo dei danni a molti portali fatti negli ultimi giorni (27 impianti, in base a una valutazione del Ministero dei Trasporti).
Se il governo mantenesse la sospensione senza eliminare definitivamente il tributo ambientale, il mancato introito per lo Stato è stimato in 65 milioni di euro al mese dal 1 ° gennaio 2014, a cui si aggiungerebbero 18 milioni di “affitto” pagato ad Ecomouv per il funzionamento e la gestione del sistema .
In un anno, la tassa per i veicoli oltre le 3,5 tonnellate, concepita per promuovere modalità di trasporto alternative, dovrebbe apportare 760 milioni di euro allo Stato e 160 milioni alle collettività locali. A questi si aggiungono 250 milioni versati a Ecomouv, un consorzio in cui la società italiana Autostrade per l’Italia (gruppo Benetton), insieme con SFR , SNCF , Steria e Thales, detiene una maggioranza del 70 %. Il contratto tra lo Stato e Ecomouv dura 13 anni.
Rappresentanti dei sindacati bretoni, datori di lavoro e organizzazioni agricole che avevano promosso la manifestazione di sabato scorso a Quimper, chiedendo l’abolizione del tributo ambientale, parteciperanno mercoledì a Rennes, su invito del primo ministro Jean- Marc Ayrault, a una riunione sul “futuro Patto della Bretagna” proposto dal governo .