ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Shirin Ebadi: "L'Occidente adotti sanzioni contro il regime iraniano"

Lettura in corso:

Shirin Ebadi: "L'Occidente adotti sanzioni contro il regime iraniano"

Dimensioni di testo Aa Aa

Questo mercoledì il Parlamento europeo ha assegnato il premio Sakharov per la libertà di pensiero 2012 all’avvocato iraniana, oppositrice del regime di Teheran, Nasrin Sotoudeh e al suo connazionale, il regista Jafar Panahi, entrambi detenuti nelle carceri iraniane. A ritirare il premio dell’avvocato: Shirin Ebadi. euronews ha intervistato il premio Nobel per la Pace per parlare della situazione dei diritti umani in Iran.

Hossine Alavi, euronews:
“Quale messaggio porta con sé il premio europeo Andrei Sakharov per i diritti umani assegnato a Nasrin Sotoudeh e a Jafar Panahi? Avrà un impatto sull’Iran?”

Shirin Ebadi, premio Nobel per la Pace:
“Il primo messaggio è che il mondo è cosciente della lotta pacifica degli iraniani per ottenere democrazia e diritti umani. Altra cosa importante è che mostra al mondo come in Iran le libertà politiche e individuali siano limitate al punto che un famoso regista, che stava facendo un film, è stato arrestato, condannato e incarcerato addirittura prima che finisse le riprese e prima che il film arrivasse nelle sale. Anche la vicenda dell’avvocato Nasrin Sotoudeh, condannata a sei anni di prigione e a vent’anni di interdizione dal suo lavoro, mostra ciò che sta avvenendo in Iran”.

euronews:
“In passato Lei ha sottolineato come l’Occidente, dovrebbe porre più attenzione, oltre che al programma nucleare iraniano, anche alla questione dei diritti umani e della sicurezza degli iraniani. Cosa si attende in particolare dall’Unione europea?”

Shirin Ebadi:
“L’Unione europea dovrebbe allungare la lista degli individui soggetti a sanzioni per violazione dei diritti umani. Dovrebbe anche adottare sanzioni che non colpiscano la popolazione ma che mirino a indebolire il regime. Io vorrei ad esempio che il governo iraniano non fosse in grado di mettere fuori uso le televisioni europee satellitari per diffondere soltanto odio e menzogne. E che per le prossime elezioni in Iran i rappresentanti dell’Unione europea siano presenti per supervisionare le operazioni di voto”.

euronews:
“Il mese scorso la morte in prigione, durante un interrogatorio, di Sattar Beheshiti, blogger iraniano. La vicenda è stata percepita dall’opinione pubblica mondiale come un caso evidente di violazione dei diritti umani. Perfino il sistema giudiziario iraniano ha iniziato a occuparsi del caso. Tuttavia sembra che questo caso sia stato derubricato a semplice errore di ufficiali governativi. Come si può fare in modo che la magistratura iraniana si assuma le proprie responsabilità?”

Shirin Ebadi:
“Il problema più importante è che il sistema giudiziario in Iran ha perso la sua indipendenza ed è diventato un dipartimento del ministero dell’Intelligence. Sfortunatamente i funzionari della sicurezza possono fare quel che vogliono e i giudici che seguono casi simili si limitano a mettere una firma sulla sentenza e a obbedire agli ordini. La cosa più importante è che occorre ridare indipendenza al sistema giudiziario e questo non è possibile senza una sua ristrutturazione”.

euronews:
“La missione in Iran dell’inviato speciale delle Nazioni Unite per i diritti umani Ahmed Shaheed è ancora da definire. I funzionari iraniani non gli hanno ancora dato il permesso di visitare l’Iran. Quali altre misure può prendere l’ONU a questo riguardo?”

Shirin Ebadi:
“Le Nazioni Unite hanno capito molto bene che il governo iraniano sta cercando di nascondere delle cose ed è per questo che non concede un visto al signor Shaheed. Tra queste cose ci sono le elezioni che si terranno in Iran: le autorità iraniane fingono che siano libere elezioni. I rappresentanti dovrebbero andare in Iran e osservare le operazioni di voto per vedere se le presidenziali saranno o meno elezioni libere e giuste, senza brogli e se seguiranno le linee guida approvate dell’unione interparlamentare che il governo iraniano ha sottoscritto. Questi inviati dovrebbero controllare se le elezioni siano basate sulle convenzioni per i diritti umani a cui anche l’Iran ha aderito”.

euronews:
“Nelle prigioni iraniane oltre a giornalisti, avvocati, attivisti per i diritti umani come la signora Sotoudeh, Abdolfattah Soltani, Ahmad Zeidabadi, Issa Saharkhiz e Mohammad-Seddigh Kaboudvand ci sono decine di altri prigionieri politici, sconosciuti che, secondo le organizzazioni per i diritti umani, sono messi sotto pressione assieme alle loro famiglie. Quali misure gli attivisti per i diritti umani e la comunità internazionale prenderanno a favore di questi prigionieri?”

Shirin Ebadi:
“Dovremmo ripetere il nome di queste persone che dovrebbero essere sostenute sempre e in ogni modo. Per esempio, assegnare loro un premio internazionale potrebbe portarle alla ribalta. Una di queste persone sconosciute, che è in gravi condizioni, è Javeed Houtan-Kian, l’avvocato di Sakineh Mohammadi la donna condannata a morte per lapidazione la cui condanna non è stata eseguita grazie alla pressione internazionale. Ma il suo avvocato principale Javid Houtan-Kian è stato condannato a sei anni di prigione. È rimasto per più di due anni nel carcere di Tabriz dove è stato sottoposto a durissime pressioni fisiche e psicologiche. Questo avvocato coraggioso ha bisogno di sostegno”.

euronews:
“Quest’anno, secondo il rapporto ufficiale della Repubblica islamica d’Iran, diverse persone sono state giustiziate dopo essere state condannate per traffico di droga. Attivisti per i diritti umani hanno espresso il timore che, sotto simili accuse, alcuni dissidenti politici possano essere stati uccisi. Il consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite e altre istituzioni internazionali sono a conoscenza di questo timore?”

Shirin Ebadi:
“Purtroppo molte persone sono andate incontro all’esecuzione senza che nessuno ne venisse informato. Ci si chiede se fossero trafficanti di droga o se tra loro ci fossero dissidenti. Abbiamo protestato contro simili esecuzioni e la nostra protesta più importante è stata contro un sistema giudiziario che svolge simili processi a porte chiuse. Due mesi fa ci è arrivata la notizia che il medico legale ha visto i corpi di quattro donne morte per lapidazione. Quando sono state lapidate? Cosa è accaduto? È possibile che pene simili possano ancora essere eseguite nel ventunesimo secolo? Queste sono le domande che gli avvocati pongono ma purtroppo il regime non dà alcuna risposta”.