A Milano il museo Musa, scienza restituisce diritti a morti

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Aperto dal 2 novembre, già 1.500 prenotazioni dalle scuole
Aperto dal 2 novembre, già 1.500 prenotazioni dalle scuole

(ANSA) – MILANO, 19 OTT – Restituire dignità, giustizia e
diritti alle persone morte e ai loro familiari, attraverso lo
studio dei corpi e dei resti umani, con le scienze mediche,
antropologiche e forensi. È questo che vuole raccontare il Musa,
il Museo universitario delle scienze antropologiche, mediche e
forensi per i Diritti umani dell’Università Statale che è stato
inaugurato oggi e che aprirà le sue porte al pubblico
gratuitamente a partire dal 2 novembre. Sono già 1500 le
prenotazioni arrivate dalle scuole per visitare il museo che è
coordinato da Cristina Cattaneo, docente di Medicina Legale e
Antropologia della Statale e responsabile del Labanof,
laboratorio di Antropologia e Odontologia forense. “Restituire dignità ai morti è anche il nostro compito, dare
una dignità a chi non c‘è più – ha spiegato il rettore della
Statale, Elio Franzini – , non sono solo numeri, ma persone con
una storia che va ricordata, l’università ha lo scopo di essere
custode della dignità e della memoria”. Il museo, realizzato
grazie al supporto di Fondazione Cariplo, Fondazione Isacchi
Samaja Onlus e Terres des Hommes, è diviso in sei sezioni. La
prima spiega come il corpo e in particolare lo scheletro rivela
identità, vita e morte. La sezione storica e archeologica mostra
una piccola parte della grande collezione scheletrica della
Statale, qui le ossa raccontano la storia di Milano di 2 mila
anni. La sezione identità racconta quanto è importante dare
un’identità ai morti. “A Milano tanti morti ancora non hanno un nome e tanti sono
ancora dimenticati – ha spiegato Cattaneo – e non riusciamo
ancora a restituire dignità a tanti migranti morti in mare”. Qui
un video racconta le testimonianze di chi ad esempio ha perso un
genitore nella strage di Linate. C‘è poi una sezione crime che
tratta i temi di medicina legale e una sezione vivi che racconta
l’importanza delle scienze forensi per tutelare chi è vittima di
violenze, abusi e torture. Infine i migranti morti nel
Mediterraneo con le immagini proiettate in un video in una
stanza buia del naufragio dell’aprile del 2015 lungo le coste
siciliane dove morirono in quasi mille. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.