EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Il Circo Martin condannato per maltrattamenti sugli animali

Nel 2014 subì maxi sequestro durante spettacolo in Gallura
Nel 2014 subì maxi sequestro durante spettacolo in Gallura
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TEMPIO PAUSANIA, 12 APR - Quattro mesi di reclusione - due in meno rispetto alla richiesta del pm - pagamento delle spese processuali, risarcimento del danno in favore della Lav, la Lega anti vivisezione, e provvisionale di 5mila euro. È la condanna per maltrattamenti sugli animali che il Tribunale di Tempio Pausania ha inflitto oggi ai titolari del Circo Martin, Eusanio Martino e Adam Caroli. L'inchiesta era partita nell'autunno 2014, quando il tendone fece tappa ad Arzachena, in Gallura, e fu al centro di un caso nazionale, con il più grande sequestro di animali da circo mai disposto ed eseguito in Italia. I carabinieri, su disposizione della Procura, misero sotto chiave tutti gli animali del Martin: un ippopotamo, diversi cammelli e dromedari, una leonessa, zebre, cavalli, bovini e pappagalli. Secondo le accuse, questi esemplari venivano sottoposti a sevizie, comportamenti e fatiche insopportabili, erano malnutriti e custoditi in condizioni incompatibili con il benessere animale. Al processo si è costituta parte civile la Lav, assistita dall'avvocata Cinzia Tirozzi. Proprio alla Lega furono affidati gli animali sequestrati, e ora l'associazione si dice soddisfatta della sentenza. "Finalmente, a molti anni dai fatti, possiamo in parte gioire per come si è conclusa questa bruttissima vicenda - commenta il presidente Gianluca Felicetti - Purtroppo le violenze messe in atto dal Circo Martin rimarranno una ferita indelebile per tutti gli animali coinvolti e sono solo uno dei molti casi in cui gli animali vengono sfruttati in contesti anacronistici, atti al solo 'divertimento' di pochi, pochissimi cittadini, e che prevedono la violazione strutturale delle necessità etologiche degli animali". "Questa condanna è giusta, anche se difficilmente proporzionata ai fatti, che furono terribili - sottolinea il dirigente della Lav - Un ulteriore monito a Parlamento e Governo per approvare prima possibile la legge per prevenire questi comportamenti vietando l'uso degli animali negli spettacoli, come già fatto da tanti altri Paesi". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 19 luglio - Serale

Corte Aja: l'occupazione israeliana nei territori palestinesi è illegale

Siccità e desertificazione: la Sicilia deve fare i conti con il cambiamento climatico