ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'UE all'Ucraina: non siamo una ONG, gli aiuti arrivano se ci sono le riforme

euronews_icons_loading
L'UE all'Ucraina: non siamo una ONG, gli aiuti arrivano se ci sono le riforme
Diritti d'autore  European Union
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Unione europea manda un messaggio chiaro all'Ucraina: le riforme e la lotta alla corruzione devono continuare.

Se da una parte il vertice UE-Ucraina che si è svolto martedi a Bruxelles è stata l'occasione per accogliere con favore i progressi compiuti sotto la presidenza di Zelenski, dall'altra il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha sottolineato che il sostegno che l'UE sta dando non è incondizionato.

"Non siamo una ONG - ha affermato- non agiamo solo per beneficenza. Agiamo perché è nel nostro interesse aiutare l'Ucraina a svilupparsi per essere un paese libero, appropriato e sicuro. Questo è lo scopo del nostro aiuto. È condizionato alle riforme. È condizionato al raggiungimento di alcuni obiettivi che condividiamo".

Tuttavia, sono stati firmati sei nuovi accordi finanziari per un totale di quasi 400 milioni di euro, compreso gli aiuti per combattere il covid-19.

Ma il rischio di regressione nella lotta alla corruzione è alto, secondo Amanda Paul, Senior Policy Analyst presso lo European Policy Center.

"L'Unione europea è preoccupata che i progressi sulle riforme in Ucraina stiano iniziando a fare marcia indietro, in particolare in termini di misure anti-corruzione- spiega-. Sono state prese alcune decisioni negli ultimi due mesi che hanno davvero preoccupato i leader dell'UE" .

Per quanto riguarda le relazioni con la Crimea, l'UE ha ribadito il suo sostegno all'integrità territoriale dell'Ucraina. Di recente due persone e quattro entità sono state aggiunte all'elenco delle sanzioni dell'UE per essere stato coinvolte nella costruzione del ponte che collega la Russia alla penisola.

Tuttavia l'Ucraina vorrebbe vedere la creazione di una piattaforma internazionale per monitorare la situazione, afferma Emine Dzheparova, primo vice-ministro dell'Ucraina.

"Questa è un'occupazione ininterrotta dal 2014. Ha luogo tutti i giorni. Per noi è molto importante affrontare le conseguenze e consolidare gli sforzi internazionali, cercare modi per rispondere meglio alle sfide in termini di militarizzazione e sicurezza ".

L'UE ha inoltre chiesto alla Russia il rilascio immediato di tutti i cittadini ucraini detenuti e incarcerati illegalmente nella penisola di Crimea, compresi gli attivisti tatari.