This content is not available in your region

Biden: "L'apocalisse nucleare è sul tavolo e bisogna evitarla"

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
IMAGE
IMAGE   -   Diritti d'autore  Andrew Harnik/AP   -  

Joe Biden ha affermato giovedì che il rischio di "Armageddon", di apocalisse nucleare, è al livello più alto dalla crisi dei missili cubani del 1962.

Il presidente statunitense ha sfidato la dottrina nucleare russa, avvertendo che l'uso di un'arma nucleare tattica potrebbe rapidamente sfuggire al controllo e portare alla distruzione globale.

Parlando a una raccolta fondi per il Comitato per la campagna senatoriale democratica, Biden ha affermato che il presidente russo Vladimir Putin era "un ragazzo che conosco abbastanza bene" e il leader russo: "Non stava scherzando quando parlava dell'uso di armi nucleari tattiche o armi biologiche o chimiche".

Durante una videoconferenza con il think tank australiano Lowy Institute, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha parlato di "attacchi preventivi" della Nato se la Russia deciderà di utilizzare armi nucleari.

Quasi a sottolineare della tensione che circonda l'uso delle armi nucleari, l'addetto stampa di Zelensky ha poi spiegato in un post su Facebook che il presidente dell'Ucraina intendeva sanzioni preventive e non attacchi nucleari.

Così Volodymyr Zelensky, Presidente ucraino: "Cosa dovrebbe fare la Nato? Eliminare la possibilità che la Russia utilizzi armi nucleari. Ma soprattutto, mi rivolgo ancora una volta alla comunità internazionale, come prima del 24 febbraio. Si attuino attacchi preventivi, affinché sappiano cosa accadrà loro se le useranno".

Putin ha ripetutamente accennato all'uso del vasto arsenale nucleare del suo paese, anche il mese scorso quando ha annunciato l'intenzione di nuzuovi arruolamenti per prestare servizio in Ucraina: "Voglio ricordarvi che anche il nostro Paese ha vari mezzi di distruzione... e quando l'integrità territoriale del nostro Paese sarà minacciata, per proteggere la Russia e il nostro popolo, useremo sicuramente tutti i mezzi a nostra disposizione", ha detto Putin il 21 settembre. Poi, indugiando verso la telecamera ha affermato: "Non è un bluff".