Rimorchiatore affondato: terzo giorno di ricerche dispersi

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Proseguono indagini Procura Bari su cause naufragio
Proseguono indagini Procura Bari su cause naufragio

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">BARI</span>, 21 <span class="caps">MAG</span> – Terzo giorno di ricerche al largo<br /> delle coste pugliesi dei due marinai dispersi nell’affondamento<br /> del rimorchiatore Franco P., avvenuto mercoledì sera a circa 50<br /> miglia dalla costa di Bari, in acque internazionali. Nel<br /> naufragio, su cui indaga la Procura di Bari con la Capitaneria<br /> di Porto, sono morti tre componenti dell’equipaggio, il 65enne<br /> Luciano Bigoni e il 58enne Andrea Massimo Loi, entrambi di<br /> Ancona, e il 63enne di origini tunisine e residente a Pescara<br /> Jelali Ahmed. Sui due ancora dispersi, i due marittimi pugliesi,<br /> entrambi di Molfetta (Bari), Mauro Mongelli di 59 anni e Sergio<br /> Bufo di 60 anni, la Guardia Costiera di Bari, con il supporto di<br /> unità aeree e motovedette di altre forze militari e delle<br /> autorità croate, ha esteso l’area di ricerca spingendosi più a<br /> sud. Unico superstite tra coloro che erano a bordo della<br /> imbarcazione affondata, al momento, è il comandante, il 63enne<br /> Giuseppe Petralia, ricoverato in ospedale a Bari. Proseguono, intanto, le indagini coordinate dalla pm Luisiana<br /> Di Vittorio. Ieri è arrivato nel porto di Bari il pontone che<br /> era agganciato al rimorchiatore al momento dell’affondamento e<br /> dal quale è stato lanciato l’allarme. Le undici persone che<br /> erano a bordo, testimoni oculari del naufragio, sono state<br /> sentite per tutto il giorno degli uffici della Capitaneria di<br /> Porto. Il pontone è stato sottoposto a sequestro probatorio e<br /> nel fascicolo d’inchiesta, con le ipotesi di reato di<br /> cooperazione colposa in naufragio e omicidio colposo plurimo,<br /> sono indagati il comandante Petralia e l’armatore Antonio<br /> Santini, legale rappresentante della società Ilma di Ancona<br /> proprietaria del rimorchiatore e del pontone. Nei prossimi<br /> giorni la Procura valuterà se disporre l’autopsia sui corpi<br /> delle tre vittime accertate e disporrà gli accertamenti tecnici<br /> sul pontone. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.