This content is not available in your region

Biden, elogio della stampa libera alla cena dei corrispondenti alla Casa Bianca

Access to the comments Commenti
Di Giulia Avataneo  Agenzie:  AP
Joe Biden
Joe Biden   -   Diritti d'autore  Patrick Semansky/The Associated Press   -  

È l 'occasione per premiare il giornalismo ma anche per punzecchiare la stampa e il presidente degli Stati Uniti, ma la cena dei corrispondenti della Casa Bianca di sabato aveva un tono grave, influenzato dalla guerra che infuria in Ucraina.

Joe Biden ha avuto un pensiero caloroso per i giornalisti non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo.

"Ciò che è chiaro, e lo dico dal profondo del mio cuore, è che voi, la stampa libera, contate più di quanto abbiate mai fatto nel secolo scorso - ha detto il presidente - Ho sempre creduto che il buon giornalismo serva da specchio alla società, per riflettere sul bene, sul male e sulla verità. Stasera voglio congratularmi con i premiati e i vincitori delle borse di studio che portano avanti questa tradizione. Abbiamo potuto conoscere il coraggio del popolo ucraino grazie a quello dei reporter americani in questa stanza e dei vostri colleghi in tutto il mondo che sono sul campo a prendere in mano le loro vite".

Per la prima volta da sei anni a questa parte un comandante in capo partecipa all'evento in cravatta nera in sei anni. L'occasione ha segnato anche la prima partecipazione di Biden in veste di presidente.

Tradizione ritrovata

Donald Trump aveva sempre evitato l'evento mentre era in carica.

"Immaginate se il mio predecessore fosse venuto a questa cena quest'anno", ha detto Biden a un pubblico di 2.600 persone, tra cui giornalisti, funzionari governativi e celebrità. "Quello sarebbe stato davvero un vero colpo di stato".

Il presidente ha colto l'occasione per testare le sue capacità comiche, senza risparmiare riferimenti alle critiche che gli sono state rivolte nei suoi 15 mesi di mandato, né battute sarcastiche sul suo predecessore, il partito repubblicano e i giornalisti.

"Sono davvero entusiasta di essere qui stasera con l'unico gruppo di americani con un indice di gradimento inferiore al mio", ha detto Biden alla sala da ballo dell'Hilton piena di membri dei media.

Biden ha anche preso in giro lo slogan "Let's Go Brandon", che è diventato la controfigura della destra per imprecare contro il presidente.

"I repubblicani sembrano sostenere un tizio, un certo Brandon", ha detto Biden, provocando una risata tra la folla. "Sta avendo un anno davvero buono. Sono felice per lui".

Frecciate alla stampa

Biden ha rivolto una frecciata a Fox News. "So che ci sono un sacco di perplessità su questo ritrovo a causa del Covid. Beh, siamo qui per mostrare al Paese che stiamo superando questa pandemia. Inoltre, tutti devono dimostrare di aver completato il ciclo vaccinale", ha detto Biden. "Basta chiedere al vostro giornalista preferito di Fox News. Sono tutti qui. Vaccinati".

Oltre ai discorsi di Biden e del comico Trevor Noah, la lunga serata è stata intervallata da interventi registrati di James Corden, del comico Bill Eichner e dello stesso Biden.

"Grazie per avermi qui", ha detto Noah a Biden. "Ero un po' confuso sul perché volesse proprio me, ma poi mi è stato detto che gli indici di gradimento vanno al massimo quando è presente un ragazzo afroamericano".

La cena ha avuto altri momenti seri, con omaggi a giornalisti neri, aspiranti reporter e una dedica ai giornalisti detenuti, feriti o uccisi durante la copertura dell'invasione in Ucraina.

Folla di celebrità

L'evento principale dedicato ai media a Washington ha visto la partecipazione di giornalisti habitué della Casa Bianca, come Jake Tapper della Cnn e Joy-Ann Reid della Msnbc con le celebrità Kim Kardashian, Pete Davidson, Brooke Shields, Caitlyn Jenner, Drew Barrymore e Martha Stewart. Tra la folta schiera di funzionari governativi e altre figure di spicco c'era il segretario di Stato Antony Blinken.

Accompagnato dalla first lady, il presidente ha partecipato in un momento delicato per la nazione. L'amministrazione è ancora in cerca di un equilibrio nella pandemia da Covid-19, che vuole lasciarsi alle spalle nonostante un ennesimo aumento dei contagi.

Di cui sono rimasti vittime anche la vicepresidente Kamala Harris, assente dopo essere risultata positiva la settimana scorsa, e il dottor Anthony Fauci, che ha saltato la cena per precauzioni sanitarie.

Picco di contagi

Gli Stati Uniti sono alle prese con una sottovariante altamente contagiosa di omicron (BA.2), che ha fatto risalire il numero di contagi a circa 44.000 al giorno, da 26.000 un mese fa. Tuttavia i decessi e le ospedalizzazioni del virus sono ai minimi, dal momento che la variante si è rivelata meno grave dei ceppi precedenti.

Dopo la recente cena della stampa al Gridiron Club a Washington, decine di partecipanti sono risultati positivi al Covid, tra cui membri del Congresso e del Gabinetto di Biden e giornalisti. La White House Correspondents' Association in un primo momento ha chiesto un tampone negativo effettuato nella giornata di sabato per accedere alla Casa Bianca. Poi ha aggiunto il requisito di aver completato la vaccinazione.

La cena dei corrispondenti ha debuttato nel 1921. Tre anni dopo, Calvin Coolidge divenne il primo presidente a partecipare e da allora lo hanno fatto tutti, tranne Trump. Jimmy Carter e Richard Nixon hanno scelto di non partecipare ogni anno. Reagan, in convalescenza dopo l'attentato del 1981, non partecipò ma intervenne al telefono da Camp David.