This content is not available in your region

Caso Amara: pm Brescia cambia idea, Storari non va assolto

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Procura deposita ricorso in appello contro la sentenza del gup
Procura deposita ricorso in appello contro la sentenza del gup

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">MILANO</span>, 05 <span class="caps">APR</span> – La procura di Brescia cambia idea.<br /> Dopo che era stato fatto trapelare che non c’era la volontà di<br /> impugnare la sentenza con cui il gup Federica Brugnara lo scorso<br /> 7 marzo aveva assolto con la formula “perché il fatto non<br /> costituisce reato” il pm di Milano Paolo Storari, accusato di<br /> rivelazione del segreto d’ufficio per il caso dei verbali di<br /> Piero Amara su una presunta loggia Ungheria, è arrivata una<br /> mossa a sorpresa: il ricorso depositato ieri in appello per<br /> chiedere di ribaltare la decisione presa dal giudice al termine<br /> del processo con rito abbreviato. Il cambio di rotta degli inquirenti bresciani, è stato<br /> riferito in ambienti giudiziari, potrebbe offrire lo spunto alla<br /> difesa di Storari di chiedere l’assoluzione con una formula più<br /> ampia. Il pm milanese era finito imputato assieme all’ex consigliere<br /> del Csm Piercamillo Davigo al quale, nell’aprile 2020, aveva<br /> consegnato copia di quei verbali con lo scopo di chiedere tutela<br /> in quanto, a suo dire, l’allora procuratore Francesco Greco e la<br /> sua vice Laura Pedio avevano messo un freno alle indagini per<br /> far luce se quelle dichiarazioni fossero veritiere o calunnie. Per Davigo il processo si aprirà il prossimo 20 aprile.<br /> (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.