Botte a detenuto S.Vittore: per agenti condanne fino a 4 anni

Access to the comments Commenti
Di ANSA
'Punito' per denunce a Roma, quattro sono stati assolti
'Punito' per denunce a Roma, quattro sono stati assolti

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">MILANO</span>, 07 <span class="caps">MAR</span> – Sono stati condannati a pene<br /> comprese tra un anno e mezzo e quattro anni di reclusione sette<br /> agenti del carcere milanese di San Vittore imputati per le<br /> violenze a Ismail Ltaief, un detenuto tunisino di 51 anni, tra<br /> il 2016 e il 2017. Lo ha deciso questo pomeriggio la settima<br /> sezione penale del tribunale di Milano. Altri quattro agenti<br /> imputati sono stati assolti. Il pm titolare dell’inchiesta,<br /> Leonardo Lesti, aveva chiesto condanne fino a 4 anni di carcere. Stando all’indagine, Ltaief, che si trovava in cella per un<br /> tentato omicidio avvenuto nel cosiddetto “boschetto” di<br /> Rogoredo, sarebbe stato ‘punito’ perché nel 2011, quando era in<br /> carcere a Velletri (Roma), aveva denunciato degli agenti della<br /> polizia penitenziaria – di recente assolti dalla Corte d’Appello<br /> di Roma – per presunti furti in mensa e percosse. I pestaggi<br /> sarebbero avvenuti pure per impedirgli di testimoniare nel<br /> processo ‘bis’ davanti al Tribunale della cittadina laziale<br /> sulla vicenda delle presunte ruberie (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.