Rodolfo Valentino a scuola preso in giro per orecchie a punta

Access to the comments Commenti
Di ANSA
"Oggi scriveremmo di bullismo" spiega curatore seminario
"Oggi scriveremmo di bullismo" spiega curatore seminario

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">PERUGIA</span>, 11 <span class="caps">FEB</span> – Rodolfo Valentino, mito di<br /> seduzione e fascino italiano, “a scuola andava maluccio, come<br /> documenta un vecchio registro scolastico del 1906 e i compagni<br /> lo prendevano in giro per via delle sue orecchie a punta e della<br /> sua rissosità”. A raccontare l’aneddoto all’<span class="caps">ANSA</span> è Gilberto<br /> Santucci, uno dei curatori di un seminario di studio promosso<br /> dalla Fondazione culturale Sant’Anna, neonato gruppo di ricerca<br /> sulla storia delle istituzioni educative in Umbria, che si<br /> propone la pubblicazione di studi e memorie con protagoniste le<br /> scuole della regione. “Oggi – aggiunge – scriveremmo<br /> probabilmente di bullismo, tanto che alla fine fu espulso e<br /> dovette trasferirsi altrove, a Genova”. Rodolfo Valentino studiò a Perugia, dove frequentò la scuola<br /> Purgotti, allora con sede alla Torre degli Sciri. La pubblicazione di studi e memorie con protagoniste le scuole<br /> della regione è un’iniziativa promossa con l’associazione<br /> Proteo Fare Sapere e il seminario, venerdì 18 febbraio a<br /> Perugia, è curato anche da Marcello Rinaldi, Alberto Stella, e<br /> del coordinatore scientifico Mario Tosti dell’Università di<br /> Perugia. “Valentino – viene ricordato – era convittore presso il<br /> collegio Onaosi, dove rimase dagli 11 ai 13 anni”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.