ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il protezionismo di Trump spinge Bruxelles nelle braccia di Pechino

Lettura in corso:

Il protezionismo di Trump spinge Bruxelles nelle braccia di Pechino

Il protezionismo di Trump spinge Bruxelles nelle braccia di Pechino
Dimensioni di testo Aa Aa

Bruxelles e Pechino sempre più vicine per contrastare il protezionismo di Donald Trump. Dopo l'introduzione da parte degli Stati Uniti dei dazi sull'importazione di acciaio e alluminio, le due super potenze economiche intendono migliorare le loro relazioni commerciali.

reuters
Donald Tusk, Li Keqiang e Jean-Claude Juncker durante il 20esimo vertice UE-Cina a Pechinoreuters

Durante il 20° vertice UE-Cina a Pechino, lunedì il commissario europeo al commercio, Cecilia Malmstrom, ha affermato: "La Cina si è impegnata a mantenere aperti i mercati e combattere il protezionismo. Questo rassicura l'UE e la sua comunità imprenditoriale. Tuttavia, vorrei che queste parole incoraggianti si traducessero in azioni più concrete per favorire ulteriormente gli investimenti".

Dopo gli Stati Uniti, la Cina è il secondo partner commerciale dell'UE. Il commercio di beni tra i due partner vale ben oltre 1,5 miliardi di euro al giorno. Nel 2017 l'Unione europea ha esportato beni per 198 miliardi di euro, mentre ne ha importati per 374 miliardi.

La relazione appare ancora più sbilanciata sul piano degli investimenti. Mentre negli ultimi decenni la Cina ha aumentato la sua presenza sul mercato europeo, secondo i dati della Commissione UE tra 2014 e il 2017 gli investimenti europei in Cina sono diminuiti della metà (da 13 a 17 miliardi di dollari).

I due partner hanno concordato di avviare un tavolo di lavoro comune per la riforma dell'Organizzazione mondiale del Commercio, ma difficilmente Pechino potrà sostituire gli Stati Uniti come partner commerciale privilegiato.

Il paradosso, infatti, è che Bruxelles condivide molte delle preoccupazioni statunitensi nei confronti della Cina, dalla questione della proprietà intellettuale a quelle dell'accesso al mercato e della sovraccapacità produttiva.

"Penso che il messaggio dell'Europa sia che non vuole scegliere l'uno o l'altro- spiega David Fouquet- Vicepresidente del centro europeo di ricerche internazionali e strategiche- . Vuole dimostrare che può ancora avere relazioni vantaggiose con gli Stati Uniti e con la Cina. Non che non ci siano problemi da entrambe le parti ".

Eppure la linea dura della Casa Bianca verso l'Unione europea potrebbe saldare l'alleanza con Pechino, che cerca di proporsi come un interlocutore più affidabile.