ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Traffico di animali, maxi-operazione: ritrovate carcasse di orsi polari, leoni e giaguari

Lettura in corso:

Traffico di animali, maxi-operazione: ritrovate carcasse di orsi polari, leoni e giaguari

Traffico di animali, maxi-operazione: ritrovate carcasse di orsi polari, leoni e giaguari
© Copyright :
Foto: Interpol
Dimensioni di testo Aa Aa

Un'operazione internazionale contro il traffico illecito di animali e legname ha portato a confische ed arresti su scala globale.

Nome in codice "Tempesta", l'intervento ha permesso di smantellare diverse organizzazioni dedite al contrabbando di piante ed animali selvatici grazie alla collaborazione di forze di polizia, doganali e agenzie di 93 paesi al mondo.

L'operazione è durata nel complesso per tutto il mese di maggio e ha portato a quasi 2mila confische e all'identificazione di 1.400 sospettati, oltre a diversi arresti. Sono stati rinvenuti:

  • 43 tonnellate di carne di animali selvatici tra cui orsi, elefanti, coccodrilli, balene e zebre;

  • 1.3 tonnellate di avorio allo stato grezzo e lavorato;

  • 27mila rettili tra cui 869 alligatori/coccodrilli, 9590 tartarughe e 10mila serpenti;

  • Quasi 4mila uccelli tra cui pellicani, struzzi, pappagalli e gufi;

  • 48 primati ancora vivi;
  • 14 grandi felini come tigri, leoni, leopardi e giaguari;
  • le carcasse di 7 orsi tra cui 2 orsi polari.

Durante il blitz sono state confiscate anche tonnellate di pangolini, specie a rischio: 4 tonnellate viaggiavano nelle acque vietnamite a bordo di una nave proveniente dalla Repubblica Democratica del Congo.

Due assistenti di volo sono stati arrestati a Los Angeles nel tentativo di contrabbandare tartarughe verso l'Asia nel proprio bagaglio personale.

Un uomo è finito in manette in Israele e attende di essere estradato in Thailandia dopo che una foto della sua battuta di caccia, pubblicata sui social media, ha portato gli inquirenti direttamente a casa sua dove sono stati sequestro di numerosi oggetti fatti con fauna selvatica. Da successive indagini è emerso che l'indagato era anche coinvolto nel traffico di esseri umani.

Le autorità canadesi hanno intercettato un container contenente 18 tonnellate di carne di anguilla proveniente dall'Asia. Lì erano state allevate per essere destinate al consumo nei mercati nordamericani.

Una risposta globale integrata

L'operazione "Thunderstorm", la seconda della serie globale "Thunder" avviata dal gruppo di lavoro "Wildlife Crime" di INTERPOL, è stata coordinata da INTERPOL e dall'Organizzazione mondiale delle dogane (WCO) in collaborazione con il Consorzio internazionale per la lotta contro il crimine contro la fauna selvatica (ICCWC), che comprende il segretariato della Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e di fauna selvatiche minacciate di estinzione (CITES), l'UNODC e la Banca mondiale.

"L'operazione ha visto significativi sequestri a livello globale, dimostrando come iniziative globali coordinate possano massimizzare l'impatto", ha dichiarato il Segretario Generale di INTERPOL Jürgen Stock.

"Rivelando come i gruppi di trafficanti di fauna selvatica utilizzino le stesse vie dei criminali coinvolti in altre attività - che vanno spesso di pari passo con l'evasione fiscale, la corruzione, il riciclaggio di denaro e la criminalità violenta - l'operazione Thunderstorm invia un chiaro messaggio ai trafficanti di fauna selvatica: la comunità mondiale delle forze dell'ordine sta facendo quadrato contro di loro", ha aggiunto il Segretario Generale.

Le perquisizioni effettuate da funzionari, spesso con cani da fiuto specializzati e scanner a raggi X, hanno riguardato anche automobili, camion, imbarcazioni e container per le merci sospettati di trasportare prodotti illeciti.

Ben Janse van Rensburg, segretario della CITES, responsabile dell'assistenza all'applicazione, ha dichiarato: "Nessun paese, regione o agenzia può affrontare da solo il problema del commercio illegale di animali selvatici. È essenziale un'azione collettiva che coinvolga gli Stati di origine, di transito e di destinazione. A nome di tutte le agenzie partner della CCIE, elogio l'eccellente lavoro svolto nei paesi membri - L'operazione Thunderstorm è la testimonianza di ciò che si può ottenere se lavoriamo tutti insieme".