ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Festeggiare il Ramadan in una chiesa: a Bruxelles c'è spazion per l'ecumenismo

Lettura in corso:

Festeggiare il Ramadan in una chiesa: a Bruxelles c'è spazion per l'ecumenismo

Festeggiare il Ramadan in una chiesa: a Bruxelles c'è spazion per l'ecumenismo
Dimensioni di testo Aa Aa

La chiesa di San Giovanni battista, al centro di Bruxelles una volta all'anno si trasforma in un luogo di condivisione ecumenica. Giovedì, tra le sue navate un gruppo di credenti di confessioni religiose diverse si è riunito per festeggiare l'inizio del Ramadan e mostrare che una coesistenza è possibile, come spiega il presidente dell'associazione AL Mouwan, che ha organizzato l'evento.

"Abbiamo scelto il momento del Ramadan: il mese sacro, il mese della condivisione e del perdono per condividere un ricordo amichevole con tutte le comunità, con tutte le persone che provengono da culture diverse e per mostrare al mondo intero che i musulmani non sono tutti terroristi. Siamo tutti pronti a sforzarci per la convivenza tra musulmani, cristiani, ebrei, agnostici e tutte le altre filosofie".

La chiesa è conosciuta nel quarteire per aver dato rifugio a dei migranti. Padre Jaques ritiene che l'inclusione sociale è la base per costruire una pace dal basso.

"Quello che abbiamo fatto stasera è uno straordinario simbolo della forza che può pervenire da queste iniziative e incontri. Mostrano che l'unione fa la forza per rispondere al'orrore, alle paure, al male, a questa violenza a questo odio e questa discriminazione"

L'evento sarà prossimamente ripetuto in una sinagoga in città, la comunità ebraica è particolarmente attiva nel promuovere iniziative di questo tipo. Evelyn Haberfield, appartenente alla comunità ebraica che vive a Bruxelles ritiene che "È un momento di condivisione con gli altri, e non c'è opportunità migliore per parlare e condividere che sedersi a un tavolo con altre persone di ogni ceto sociale e condividere un pasto. Non c'è niente di più piacevole".