ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania, il limbo giuridico dei migranti "tollerati"

Lettura in corso:

Germania, il limbo giuridico dei migranti "tollerati"

Dimensioni di testo Aa Aa

L'asilo politico gli è stato negato, ma il governo tedesco riconosce comunque che tornare in Iran sarebbe rischioso per la famiglia Bayat, che dall'Islam si è convertita al cristianesimo.

I bayat - moglie marito e due figli - sono tra coloro che in Germania vengono definiti "persone tollerate". Ora però, con il diniego della richiesta d'asilo, anche il permesso di lavoro gli è stato revocato.

"La signora venne da noi e disse che cercava un lavoro come sarta" ricorda Florian, proprietario dell'azienda tessile in cui la donna ha trovato impiego. "All'epoca, uno dei nostri dipendenti si era appena ritirato e quindi stavamo cercando qualcuno che lo rimpiazzasse, ed è difficile trovare sarte, in particolare cucitrici con esperienza alle spalle".

Profili lavorativi come quello di Masoumeh sono molto ricercati in Germania: il boom economico ha lasciato scoperte oltre un milione di posizioni, che sono state in parte coperte dai rifugiati. Ma se il signor Florian potrebbe ritrovarsi con una lavoratrice in meno, a rischiare sul serio è la famiglia Bayat, che potrebbe finire, da un giorno all'altro, su un volo per in Iran

"Sono già stata in tribunale - racconta la donna - ma non mi credono, non credono che io sia cristiana. Eppure vado in chiesa, aiuto gli altri, ho fatto tutto ciò che ho potuto." In molti in Germania si trovano nella stessa situazione di Masoumeh. Il governo tedesco tende a tollerarne la presenza ,ma l'impossbilità di lavorare rende le cose molto difficili