ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caso Skripal, l'ambasciatore russo: "governo britannico sta distruggendo prove"

Lettura in corso:

Caso Skripal, l'ambasciatore russo: "governo britannico sta distruggendo prove"

Caso Skripal, l'ambasciatore russo: "governo britannico sta distruggendo prove"
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Cremlino continua a negare ogni responsabilità nell'avvelenamento dell'ex spia russsa Sergej Skripal e di sua figlia Yulia: dopo il responso dell'Opac, che ha dato ragione all'Inghilterra, confermando l'utilizzo di un agente nervino sviluppato in Russia, l'ambasciatore russo in Regno Unito, Alexander Yakovenko, torna a rivolgere accuse molto pesanti alle autorità britanniche.

"Le indagini - ha dichiarato Yakovenko - sono condotte nel modo meno trasparente che si possa immaginare. Il governo britannico rifiuta del tutto di cooperare con le autorità russe. Abbiamo l'impressione che stiano deliberatamente perseguendo una politica di distruzione di ogni prova possibile, vietandoci inoltre l'analisi dei rimamenti materiali, allo scopo di rendere impossibile un'indagine indipendente e trasparente".

L'Organizzazione per la proibizione delle armi chimicche ha confermato che per l'avvelenamento degli Skripal sarebbe sarebbe stato usato il Novichok, un agente nervino brevettato e prodotto in Russia.

Secondo una letttera inviata dal consigliere britannico per la sicurezza al segretario generale Nato Jens Stoltenberg, cyber specialisti legati al Gru - l'intelligence militare di Mosca - avrebbero spiato le comunicazioni della spia doppiogiochista e di sua figlia almeno dal 2013

LEGGI ANCHE:

  1. La vendetta del GRU su Skripal, il servizio segreto "superiore a Putin"

  2. Caso Skripal, morti gli animali domestici di Sergei e Yulia

  3. Caso Skripal: l'ex spia russa migliora, non più in condizioni critiche

  4. Skripal: Opac dà ragione a Londra, gas usato è Novichock

  5. Caso Skripal: dimessa dall'ospedale la figlia Yulia