ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Di Maio alla Stampa estera: "Con noi l'Italia resterà nell'Ue, nella Nato e in Occidente"

Lettura in corso:

Di Maio alla Stampa estera: "Con noi l'Italia resterà nell'Ue, nella Nato e in Occidente"

Di Maio alla Stampa estera: "Con noi l'Italia resterà nell'Ue, nella Nato e in Occidente"
Dimensioni di testo Aa Aa

Ha vinto le elezioni ma non ha la maggioranza per formare un governo. Così il leader del Movimento Cinque Stelle, Luigi di Maio, che a Roma ha incontrato la Stampa estera, non si sottrarrà all'ipotesi di un accordo parlamentare con altre forze, ma da subito esclude di ricorrere alla "campagna acquisti" tra chi potrebbe cambiare schieramento.

"Stiamo facendo un appello a tutto il parlamento sui temi. Io non sto incoraggiando al cambio di casacca, ci mancherebbe... Siamo disponibili al dialogo sulle presidenze delle Camere e in generale sulla composizione degli Uffici di presidenza, ma non in una ottica di governo".

Una stoccata al Pd e ai suoi ministri uscenti, che dopo aver confermato di voler restare all'opposizione, ora secondo Di Maio, creano difficoltà ingiustificate.

"Credo sia stato molto irresponsabile oggi il ministro Padoan a trascinare le questioni tra l'Italia e Bruxelles all'interno del dibattito politico dicendo ho rispos to non so... quasi una provocazione come per dire ora me ne vado all'opposizione e prima avveleno i pozzi dicendo a Bruxelles che c'è instabilità".

Il leader dei Cinque Stelle ha poi rassicurato i partner internazionali, promettendo continuità nella politica estera dell'Italia.

"Con noi l'Italia resterà nell'Unione europea, resterà alleata dell'Occidente, resterà all'interno della Nato, e lo farà, come hanno fatto tutti i governi in questi anni, con l'ambizione di cambiare alcune cose che non funzionano".

In chiusura un accenno alle priorità in economia: e qui oltre al rigore, compare l'obiettivo di far ripartire la crescita.

"La nostra idea è non solo tagliare quello che non serve ma anche fare dei grandi investimenti in misure espansive che ci consentano di avere un gettito tale da ripagare il debito pubblico".