ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La CIA conferma l'aiuto a Mosca per sventare attentato San Pietroburgo

Il Presidente Vladimir Putin ha telefonato a Donald Trump per ringraziarlo dell'aiuto fornito dalla CIA. Informazioni che hanno portato allo smantellamento di quella che viene presentata come una cellula dell'ISIS pronta ad entrare in azione contro diversi siti a San Pietroburgo.

Lettura in corso:

La CIA conferma l'aiuto a Mosca per sventare attentato San Pietroburgo

Dimensioni di testo Aa Aa

Stati Uniti e Russia sulla stessa linea d'onda. La CIA ha confermato la notizia già diffusa dal Cremlino secondo cui i servizi russi hanno sventato un piano di attentato terroristico grazie all'intelligence fornita dai servizi segreti statunitensi.

La televisione russa ha diffuso le immagini degli arresti di diversi sospetti implicati nel presunto piano d'attacco a San Pietroburgo. La Casa Bianca ha rilasciato un comunicato nel quale rende nota la telefonata di ringraziamenti a Donald Trump fatta da Vladimir Putin. "Entrambe i leader concordano nell'indicare l'esempio di come si possano ottenere risultati significativi grazie alla cooperazione" recita il comunicato.

Bersaglio degli attentatori, indicati dall'FSB come militanti dell'autoproclamato Stato Islamico, sarebbe stata la cattedrale Kazansky, seconda più importante chiesa di San Pietroburgo, e altri siti di grande interesse turistico e culturale della città.

La mano tesa a Mosca grazie alla CIA sembra voler indicare una nuova tappa nei burrascosi rapporti tra le due super potenze, profondamente divise su dossier bollenti come la guerra in Ucraina e in Siria. Rapporti inquinati poi dall'accusa rivolta a Mosca di aver tentato di influenzare l'esito delle elzioni portando alla vittoria di Donald Trump.