ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Opposizione dice basta: "non parteciperemo a prossime elezioni"

In Venezuela opposizione decide di boicottare prossime elezioni e nominare nuovo portavoce

Lettura in corso:

Opposizione dice basta: "non parteciperemo a prossime elezioni"

Dimensioni di testo Aa Aa

“Siamo stufi di essere presi in giro e derubati delle vittorie elettorali”. Parlano praticamente all’unisono i leader dell’opposizione venezuelana che dopo la cocente sconfitta alle ultime elezioni per i governatori, affermano che l’opposizione non parteciperà alle elezioni amministrative di dicembre. La Mud, il tavolo che raggruppa i principali partiti anti chavisti ha anche deciso di nominare, attraverso probabili primarie, un portavoce che sarà anche il prossimo candidato presidenziale della coalizione.

A spiegare la scelta è Julio Borges, presidente dell’esautorato parlamento venezualano: “Siamo arrivato a un tale livello di degradazione democratica che dobbiamo mettere un freno e riuscire a fare in modo che il popolo venezuelano e la democrazia internazionale ci appoggino perché si possano avere delle elezioni pulite e chiare. Dobbiamo evitare di arrivare a elezioni presidenziali in cui il governo farà altre frodi, eleggerà il candidato che vuole e si avrà un risultato contrario a quello che vuole l’80% della popolazione ovvero che Maduro lasci il potere”.

L’interessato non apprezza per nulla e il chavismo risponde a palle incatenate a queste accuse di nuove frodi. È lo stesso presidente venezuelano Maduro a lanciare ben più di una minaccia agli avversari politici. “Si attacca in modo criminale il sistema elettorale e vi dico che quelli che lo attaccano la pagheranno. M’impegno a che ci sia giustizia in Venezuela contro chi da oggi vuole ferire il processo elettorale a cui ha diritto il popolo di Venezuela nel mese di dicembre per eleggere i suoi sindaci e sindachesse. Mi dichiaro in guerra”.