This content is not available in your region

Barcellona, c'è chi dice no (all'indipendentismo)

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Barcellona, c'è chi dice no (all'indipendentismo)

<p>Una manifestazione contro quello che definiscono il <em>golpe della Generalitat</em> , per tornare a ragionare. A Barcellona quasi un milione di persone secondo gli organizzatori, 350mila secondo la polizia, ha partecipato al raduno degli unionisti, i catalani, cioè, che non vogliono separarsi dalla Spagna. </p> <p>Ospite d’eccezione, il premio Nobel per la letteratura, peruviano, naturalizzato spagnolo, <strong>Mario Vargas Llosa</strong> : </p> <p><em>Il nazionalismo ha riempito la storia dell’Europa, del mondo e della Spagna di guerre, sangue e morti. Da un po’ di tempo il nazionalismo sta spargendo il caos anche in Catalogna. Ecco perchà siamo qui, per fermarlo!</em> </p> <p>Sul palco anche l’ex ministro socialista ed ex presidente del Parlamento europeo, <strong>Josep Borrell</strong>, catalano che si è rivolto alla folla in catalano, mostrando una bandiera europea: </p> <p><em>Vedo alcune stellate, alcune bandiere catalane, qui. Ma questa è la nostra stellata</em> </p> <p>Dice il nostro inviato, <strong>Francisco Fuentes</strong> :</p> <p><em>Questa grande manifestazione a favore dell’unità della Spagna si è svolta 48 ore prima del previsto discorso che il presidente catalano, Carles Puigdemont, pronuncerà al Parlamento regionale. Un discorso che detterà i prossimi passi dell’indipendentismo.</em></p>