ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Rogo Londra, la gente protesta


Regno Unito

Rogo Londra, la gente protesta

Al dolore a Londra è seguita la rabbia, la protesta. Centinaia di persone hanno assediato il municipio di Kensington per protestare per le misure di sicurezza inadeguate alla Grenfell Tower, il grattacielo londinese andato a fuoco, nel cui rogo sono morte 30 persone tra cui anche una coppia di giovani italiani.
Bersaglio della folla inferocita le autorità, in particolar modo Theresa May, contro la quale si è scagliata anche la stampa pro-Tories per la sua insensibile e fredda reazione alla tragedia. In aperta polemica con la premier anche il sindaco di Londra, Khan, che accusa il governo di non aver fatto abbastanza per prevenire l’incendio.

Dopo la visita ai feriti in ospedale, May ha spiegato che il governo farà di tutto per aiutare nell’immediato chi è rimasto senza casa: “E’ davvero terrificante. Ho ascoltato le storie della gente e delle loro esperienze. Ho anche ascoltato la comunità locale circa i loro problemi e le preoccupazioni. Il governo stanzierà immediatamente 5 milioni di sterline per un fondo di emergenza per la gente che ha bisogno di denaro per comprare le cose normali della vita di tutti i giorni”.

Mentre continuano le ricerche, ormai considerate vane dagli esperti, nel tentativo di ritrovare i resti di chi manca all’appello, continuano anche le indagini per capire l’esatta dinamica che ha portato allo sviluppo del rogo mortale. La polizia esclude per il momento ipotesi di dolo ma Scotland Yard assicura che i responsabili delle inadempienze del sistema di allarme saranno consegnati alla giustizia.

USA

Usa-Cuba: Trump cancella l'accordo di Obama