ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Torna in Portogallo il World Press Cartoon


Cult

Torna in Portogallo il World Press Cartoon

Il World Press Cartoon è tornato.
Dopo una sospensione dovuta a problemi di budget, il concorso dedicato alle migiori vignette politiche pubblicate sulla stampa mondiale ha consegnato il suo palmares 2017 a Calda da Rainha, in Portogallo.

L’iraniano Alireza Pakdel ha vinto il gran prix e il primo premio nella categoria “vignette editoriali” con la sua striscia sull’immigrazione. Un sogno divenuto realtà per il caricaturista

ALIREZA PAKDEL, vincitore del grand prix: “Ho sempre sognato di vincere un premio cosi. Da quando faccio questo lavoro mi sono sempre detto: ‘ah se potessi vincere il premio del World Press Cartoon’ ed ecco che vinco ben due importantissimi premi”

I flussi migratori fanno parte dei grandi temi affrontati quest’anno.

La giuria internazionale ha selezionato 267 vignette realizzate da disegnatori di una cinquantina di nazionalità. L’obiettivo è sottolineare il coraggioso impegno di tutti i caricaturisti del mondo.

KOUNTOURIS, vignettista: “Il World Press Cartoon è veramente quello di cui hanno bisogno i disegnatori in questo momento. Questi ultimi anni sono stati davvero molto duri per loro: dall’attacco a Charlie Ebdo, fino alla detenzione del caricaturista turco Musa Kart e, bene inteso, ci sono stati molti casi in cui sono stati attaccati. Per questo grandi festival come questo sono quello di cui l’arte delle vignette politiche e satiriche ha bisogno in questo momento difficile”.

Il greco KOUNTOURIS si è aggiudicato il secondo premio di disegno editoriale con una vignetta sull’Attentato di Nizza del 14 luglio scorso.

Ma è certamente il nuovo presidente statunitense Donald Trump ad essere il piu’ disegnato di tutti. Ed è proprio Donald Trump a valere per l’italiana GIO il terzo posto sul podio.

GIO, vignettista: “Questo è ancora un mondo molto maschile. Ma ci sono anche molte disegnattrici donne di valore. cerchiamo insieme di far vedere il mondo anche dal nostro punto di vista, ci auspoichiamo semopre un mondo pieno di pace”.

Gio ha immaginato The Donald con un nuovo taglio di capelli.

Il festival si svolge nel Centro culturale e di congressi di Caldas da Rahina fino al 10 agosto.
Un ritorno dopo la cancellazione dell’edizione del 2016. Per questo la riapertura è cosi importante per il fondatore del festival, che offre anche un’ idea al sindaco della città che ospita l’evento.

ANTÓNIO ANTUNES, direttore del Festival:“Sono contento di poter dare continuità a questo progetto. Abbiamo ripreso la nostra velocità di crociera, è un festival celebrato in tutto il mondo dei disegnatori di vignette politiche, tutti riconoscono che si tratta di un evento d’eccellenza. E’ giusto che vada avanti, non sarebbe normale il contrario”

FERNANDO MANUEL TINTA FERREIRA, Sindaco di Caldas das Rainhas: “Se portiamo le nostre idee fino in fondo, questo evento potrebbe essere il punto di partenza per creare un’esposizione permanente per le vignette politiche e fare di questa città un vero punto di riferimento”.

La nostra scelta

Prossimo Articolo

Cult

GIO, vignettista: "Questo è ancora un mondo molto maschile. Ma ci sono anche molte disegnattrici donne di valore"