ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Elezioni francesi: le più imprevedibili di sempre


Francia

Elezioni francesi: le più imprevedibili di sempre

Queste elezioni francesi potrebbero passare alla storia come le prime che non vedranno al secondo turno né la destra gollista – nelle immagini vediamo il candidato François Fillon al momento del voto – né del partito socialista.

Anche se in realtà Benoît Hamon, ex ministro dei governi Ayrault e Valls, sembra avere ancor meno speranze di passare il turno. I sondaggisti lo hanno collocato più in basso del collega repubblicano nelle loro classifiche.

Vita dura per chi deve prevedere l’esito di questo turno presidenziale. Difficile infatti fornire numeri affidabili, in presenza di scarti di pochi punti percentuali tra i favoriti. Fra questi c‘è sicuramente Marine Le Pen. La leader del Front National potrebbe conquistare altri voti dopo l’attentato di Parigi sugli Champs-Élysées. Anche se altri commentatori pensano invece che il clima d’insicurezza potrebbe spingere l’elettorato a votare un candidato meno estremo, dell’establishment, quindi Fillon.

Superfavorito anche il rottamatore Emmanuel Macron, il centrista di En Marche, che può prendere voti alla destra e alla sinistra.

Ma bisogna considerare l’exploit di Jean-Luc Mélenchon, il candidato di estrema sinistra è stato protagonista di una grande rimonta negli ultimi giorni.

Come andrà a finire lo sapremo dopo le 20, ora di chiusura degli ultimi seggi.