ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Troppi casi di morbillo, Italia e Romania osservati speciali dell'Oms

L'Italia ha visto triplicare il numero di trasmissioni tra dicembre 2016 e gennaio 2017

Lettura in corso:

Troppi casi di morbillo, Italia e Romania osservati speciali dell'Oms

Dimensioni di testo Aa Aa

Romania e Italia osservati speciali in Europa a causa dell’emergenza morbillo.

Bucarest ha segnalato 1.532 casi da agosto a gennaio, rispetto ai 463 del semestre precedente (dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità).

L’Italia ha visto triplicare il numero di trasmissioni tra dicembre e gennaio.

“Esorto tutti i Paesi coinvolti ad adottare misure urgenti per fermare la trasmissione del morbillo all’interno dei loro confini”, avverte Zsuzsanna Jakab, direttrice dell’Oms per l’Europa. “Dobbiamo fare in modo che i progressi acquisiti non vadano persi”.

Di fronte al progresso verso l’eliminazione del morbillo in Europa, preoccupa il fato che i casi di morbillo siano in aumento nel Vecchio Continente.

“Gli stili di vita di oggi e gli spostamenti più rapidi impongono a tutti i Paesi la massima attenzione – aggiunge Zsuzsanna Jakab – I focolai continueranno in Europa, come altrove, fino a quando tutti i Paesi raggiungeranno i livelli di immunizzazione necessari per proteggere completamente le loro popolazioni”.

Italia e Romania hanno tassi di immunizzazione al di sotto del livello del 95%, una soglia da raggiungere per evitare focolai di trasmissione più ampi.

Ma in Europa si sta diffondendo una sfiducia nei confronti dei vaccini. In Francia, il 40% delle persone intervistate nell’ambito di un sondaggio sostiene che i vaccini non siano sicuri, mentre in Italia e in Romania è diffidente 1 persona su 5.

Il vaccino contro il morbillo è stato inventato nel 1960 e dal 1980 è stato diffuso massicciamente. Nord e Sud America sono stati dichiarati immunizzati dal morbillo nel settembre 2016.