ULTIM'ORA

Lettura in corso:

L'Avana si sveglia senza Fidel Castro, per Cuba è la fine di un'era


Cuba

L'Avana si sveglia senza Fidel Castro, per Cuba è la fine di un'era

ALL VIEWS

Clicca per scoprire

L’Avana si sveglia silenziosa nel primo di nove giorni di lutto nazionale per la morte di Fidel Castro. Per undici milioni di cubani si apre un’era di incognite.

Ma lontano dagli obiettivi, il primo giorno senza il comandante scorre, soprattutto tra i giovani, come un sabato qualsiasi nella capitale cubana.

“Siamo fiduciosi. I giovani sono convinti che il futuro di Cuba sarà ben radicato nella realtà cubana – dice uno studente – Il modello cubano, grazie all’esempio di Fidel Castro e alla sua generazione, la generazione del Movimento del 26 luglio, continuerà il suo percorso”.

La tristezza dovuta dai giovani di fronte alle telecamere lascia spazio alle lacrime della generazione della rivoluzione, vissuta e cresciuta all’ombra del líder máximo.

“Sono molto triste – dice un lavoratore dell’Avana – È stato il nostro leader, un leader per la gente di tutto il mondo”.

“Siamo molto tristi per la morte del nostro comandante – aggiunge una donna – Anche se è non c‘è più, sarà sempre il nostro comandante”.

I cubani sono chiamati a dare continuità alla rivoluzione. Ma Obama, i Rolling Stones, i colossi dei servizi finanziari e Chanel che fa sfilare le sue modelle segnano già l’inizio di una nuova era.

ALL VIEWS

Clicca per scoprire

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

traduzione automatica

Prossimo Articolo

mondo

Fidel Castro: a Miami la festa degli esuli cubani "il tiranno è morto"