ULTIM'ORA

La Russia sta cercando di dividere l'Europa. Accuse pesanti a Putin da Strasburgo.

Il Parlamento europeo riunito in seduta plenaria a Strasburgo ha adottato mercoledì una risoluzione in cui accusa la Russia di manipolare i media e finanziare i partiti euroscettici per distruggere l'

Lettura in corso:

La Russia sta cercando di dividere l'Europa. Accuse pesanti a Putin da Strasburgo.

Dimensioni di testo Aa Aa

La Russia sta attuando una strategia mediatica per dividere l’Europa. È quello che si legge nella risoluzione approvata dal Parlamento europeo mercoledì, in cui si accusa Mosca di manipolare i mezzi di comunicazione per distruggere i valori europei. Una strategia trasversale, volta a indebolire tutto l’occidente. “I media russi, le televisioni e le agenzie di stampa cercano d’influenzare il pubblico in Europa, spiega l’ deputato di centro sinistra Eugen Freund. Stanno cercando di dividere l’Unione europea e gli Stati Uniti, di sminuire quello che stanno facendo.”

Ma l’operazione di propaganda non si fermerebbe ai soli media. Il rapporto prosegue accusando la Russia di finanziare partiti, organizzazioni politiche e singoli politici di estrema sinistra e di estrema destra per screditare le istituzioni europee e favorire l’ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici.

Nel documento si chiedono sanzioni verso i media russi e di rinforzare la comunicazione strategica dell’Unione europea, attraverso campagne di sensibilizzazione, di educazione all’informazione ed investimenti nella formazione dei giornalisti.

Dal Cremlino, un Putin impassibile risponde duramente alle accuse. “Stiamo assistendo a un degrado, nel senso politico del termine, della democrazia nei paesi occidentali, in questo caso al livello del Parlamento europeo”, ha commentato.

La scintilla che ha acceso le tensioni tra Europa e Russia risale al 2014. L’annessione illegale della Crimea da parte del governo di Mosca è stata condannata e sanzionata economicamente dai leader europei, ma ha reso le relazioni tra i due blocchi più difficili che mai.