ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Islanda: le urne premieranno i partiti anti-sistema?


mondo

Islanda: le urne premieranno i partiti anti-sistema?

In Islanda hanno sfidato venti gelidi e pioggia i cittadini che si sono recati alle urne per le elezioni politiche anticipate.

Ma il brutto tempo è un dettaglio minore in un paese che sembra pronto a voltare pagina, dopo un governo di centro destra.

In crescita nei sondaggi al 20% i Pirati, formazione anti-sistema, che potrebbe puntare a una coalizione con altri 3 partiti, tra cui i Verdi.

“Non abbiamo intenzione di temporeggiare – dice la leader dei Pirati, Birgitta Jonsdottir – Vogliamo soltanto portare l’Islanda nel 21° secolo. E lo facciamo con il coraggio di realizzare una politica diversa”.

Nella ventata di novità si cerca di inserire anche il Partito Liberale, riformista e filo-europeista.

“È importante questo voto – sottolinea Benedikt Johannesson, candidato Vidreisn – perché la società islandese è stata passiva per troppo tempo. Ora devono essere applicate le riforme che i cittadini chiedono. E noi le abbiamo nel nostro programma”.

Nella campagna elettorale è emersa l’indignazione per il sistema su cui si basa la politica tradizionale.

“Voglio che sparisca la corruzione – dice una cittadina – Pretendo che il sistema funzioni, in modo trasparente che le persone possano avere accesso a tutte le informazioni”.

Il voto arriva dopo lo scandalo dei Panama Papers che ha travolto il primo ministro islandese Gunnlaugsson. Ora gli elettori potrebbero decidere di premiare gli “outsider”.