ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Samarcanda: la Tomba di Daniele


Postcards

Samarcanda: la Tomba di Daniele

In partnership con

La cartolina di questa settimana arriva da Samarcanda, dalla Tomba di Daniele.

La leggenda narra che qui sarebbe stato sepolto il profeta, anche se nel mondo ci sono altre presunte tombe di Daniele. Secondo alcuni i resti vennero portati qua dai primi cristiani, per altri fu lo stesso re Tamerlano a ordinarne la sepoltura in questo luogo.

Seamus Kearney, euronews:
“Quel che rende la tomba così insolita è la dimensione: 18 metri di lunghezza. Ci sono diverse leggende sul perché coloro che costruirono la tomba decisero di realizzarla di queste dimensioni”.

L’Uzbekistan in breve:

  • Situato nell’Asia Centrale, confina con il Kazakistan, il Turkmenistan, il Kirghizistan, l’Afghanistan e il Tagikistan
  • Indipendente dal 1991, questa ex repubblica sovietica ha oltre 30 milioni di abitanti
  • La superfice totale è di 425.400 km2, costituita quasi interamente di terreno pianeggiante
  • La temperatura media durante l’inverno è di -6 gradi centigradi. In estate, può salire sopra i 32 gradi
  • Quasi l’80% della popolazione è di etnia uzbeka e l’88% degli abitanti aderisce alla religione islamica

“Secondo un’antica leggenda – chiarisce la guida Dildora Niyazova – venne realizzata di questa lunghezza perché le spoglie crescono ogni anno. Secondo invece un’altra leggenda era per rendere più difficile l’esatta localizzazione dei resti”.

I pellegrini affollano comunque il mausoleo, rendendo omaggio a Daniele, e bevono l’acqua di una sorgente locale considerata sacra.

Si tratta di un luogo particolare: perché qui non pregano soltanto i musulmani ma anche i cristiani e gli ebrei.

La nostra scelta

Prossimo Articolo

Postcards

Samarcanda: il bazar Siab