ULTIM'ORA

Iraq: l'avanzata su Mosul, le forze irachene prendono località strategica di Bartella

L’avanzata su Mosul, la “capitale” dell’Isis in Iraq, si fa decisa: dopo giorni di divisioni ora la tenaglia sembra stringersi con forza sulla città a maggioranza sunnita nel nord…

Lettura in corso:

Iraq: l'avanzata su Mosul, le forze irachene prendono località strategica di Bartella

Dimensioni di testo Aa Aa

L’avanzata su Mosul, la “capitale” dell’Isis in Iraq, si fa decisa: dopo giorni di divisioni ora la tenaglia sembra stringersi con forza sulla città a maggioranza sunnita nel nord dell’Iraq.
Mentre la coalizione internazionale apriva il cammino con decine di raid aerei, di cui 25 sul solo villaggio di Tel Skuf, i Peshmerga avanzavano su tutto il fronte nord-orientale, mentre le truppe irachene da sud conquistavano la località strategica di Bartella:

“Bartella era considerata una linea chiave di difesa contro l’avanzata delle nostre truppe verso Mosul, e quindi ora possiamo annunciare alla gente di Mosul che stiamo per arrivare”, dice il capo delle forze speciali irachene, secondo il quale a Mosul sarebbero trincerati 6.000 jihadisti.

Il timore è però che l’Isis stia già da tempo riposizionandosi altrove, e che abbia lasciato solo elementi rallentatori a difesa di Mosul, data per persa.

Dalla zona dei combattimenti sono fuggite per ora oltre 5.000 persone, che raccontano la vita sotto il controllo della milizia islamica:

“Non potevamo andare da nessuna parte, venivamo solo autorizzati ad andare in un posto preciso e poi tornare. Le donne non possono uscire se non sono coperte”, racconta una rifugiata nel campo di Debka.

La Croce Rossa Internazionale ritiene che dalla zona di Mosul i combattimenti metteranno in fuga circa 800.000 persone, per le quali si stanno preparando i campi di accoglienza. La città aveva due milioni e mezzo di abitanti prima del conflitto.