ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Nobel 2016 per la chimica a Sauvage, Stoddart e Feringa

Il premio è stato assegnato ai ‘‘nanomeccanici’‘: il francese Jean-Pierre Sauvage, lo scozzese Sir J.

Lettura in corso:

Il Nobel 2016 per la chimica a Sauvage, Stoddart e Feringa

Dimensioni di testo Aa Aa

Il premio è stato assegnato ai ‘‘nanomeccanici’‘: il francese Jean-Pierre Sauvage, lo scozzese Sir J. Fraser Stoddart e l’olandese Bernard L. Feringa.

Sono stati scelti fra i candidati per avere concepito “la più piccola macchina del mondo” studiando il movimento controllato delle molecole. Secondo le motivazioni della giuria, si tratta di una ricerca chiave per gli sviluppi futuri dei nuovi materiali, nonché per l’immagazzinamento e lo stoccaggio dell’energia.

Si tratta di macchine biologiche, capaci di riprodurre movimenti che le cellule compiono in condizioni naturali, come la contrazione delle muscolari.

Per comprendere la portata della scoperta basti pensare che, in termini di sviluppo, il motore molecolare assume la stessa importanza di quanto lo abbia avuto il motore elettrico nel 1830, quando gli scienziati ancora non immaginavano che nel futuro ci sarebbero stati i treni elettrici, lavatrici o ventilatori.

Gli utilizzi della scoperta sono dunque infiniti. Le macchine molecolari potranno in futuro avere sviluppi in molti ambiti, come la creazione di materiali nuovi, sensori e sistemi di immagazzinamento di energia. I settori che ne potrebbero beneficiare sono molteplici, tra cui, ovviamente, quello della medicina.