ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Grecia: vendute all'asta le licenze televisive

mondo

Grecia: vendute all'asta le licenze televisive

Pubblicità

246 milioni di euro.

In Grecia a questo prezzo quattro licenze televisive della durata di 10 anni sono state aggiudicate all’asta 3 armatori e un imprenditore, considerato vicino al governo Tsipras.

L’operazione rientra nel quadro della riforma voluta dal governo di Alexis Tsipras per razionalizzare e moralizzare il settore, in mano da decenni a un gruppo di oligarchi senza un quadro normativo chiaro e nella più totale opacità finanziaria. Situazione finora tollerata dalla classe politica.

Nikkos Pappas, rappresentante del governo:

“Siamo soddisfatti dell’esito dell’asta, in modo particolare perché abbiamo inviato un messaggio all’interno e all’esterno del Paese. È un segnale importante che indica che la Grecia si sta riprendendo, dopo la crisi economica”.

La procedura è stata fortemente contestata dall’opposizione di destra che ha accusato il governo di voler mettere la museruola ai media che gli sono ostili.

Kostas Kimpouropoulos, Skai TV:

“Non abbiamo partecipato all’asta – ha dichiarato ironicamente il rappresentante di una delle televisioni che si sono aggiudicate la licenza – siamo venuti per negoziare un riscatto e liberare un ostaggio, in altre parole vogliamo rimanere indipendenti, siamo un media che ha scritto la sua storia e che continuerà a farlo”.

Misure draconiane hanno assicurato il buon svolgimento dell’asta.

I partecipanti sono rimasti nella sede del Segretariato per oltre 5 giorni senza avere contatti con l’esterno, senza telefono, pc e ciascuno in una stanza diversa da cui potevano uscire solo scortati.

Mega Channel, troppo indebitata, non è stata ammessa all’asta:

Così il suo direttore:

Manolis Kapsis, direttore di Mega Channel News:

“La battaglia del governo contro gli oligarchi è un alibi di sinistra del governo populista di Tsipras, che si è dimostrato incapace di mantenere le promesse economiche”.

Il monopolio pubblico televisivo in Grecia è finito nel 1995, da allora le televisioni greche hanno trasmesso con licenze provvisorie.

Akis Tatsis, euronews:

Nei prossimi 5 giorni, le autorità greche verificheranno la situazione finanziaria dei vincitori che entro 15 giorni dovranno saldare la prima delle tre tranche in cui è suddivisa la somma totale da pagare.

Nel frattempo la giustizia greca esaminerà i ricorsi in appello e entro 3 mesi le televisioni senza licenza chiuderanno.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo