ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Erdogan-Gülen, una storia di amicizia e odio

mondo

Erdogan-Gülen, una storia di amicizia e odio

Pubblicità

Fethullah Gülen, 75 anni, in esilio volontario negli Stati Uniti, da stretto alleato del presidente Erdogan a suo principale nemico.

Ma il sodalizio tra i due lo scorso 15 luglio, data del fallito colpo di Stato, era già finito.

Accusato di essere la mente del golpe, Gülen si è visto recapitare oltreoceano una nuava richiesta di estradizione avanzata dalla Turchia.

“La sua organizzazione ha ramificazioni nel mondo intero, forse è per questo che è così potente. Siamo determinati a tagliare tutti i legami d’affari di quasta organizzazione che ha le mani insanguinate”.

L’alleanza tra i due in realtà è finita nel 2013, dopo il grande scandalo di corruzione che coinvolge il presidente e alcuni suoi ministri.
Per Erdogan dietro le accuse c‘è Gülen e il suo movimento.

Oggi come allora, Gülen respinge al mittente le accuse.

“Ho condannato il colpo di Stato e ho ripetutamente dichiarato di non esserne al corrente. Cosa che non cambia niente, il potere giudiziario in Turchia non è indipendente. È solo un altro esempio che dimostra la deriva autoritaria di Erdogan”.

Il movimento di Gülen vanta milioni di seguaci in Turchia. Al di là del consenso all’interno del sistema scolastico da lui creato, fino al 15 luglio, erano numerosi i sostenitori in posizione di potere, nella polizia e nella magistratura.

In realtà dalla fine del 2013, per Ankara Gülen è un criminale, a capo di un’organizzazione terroristica, “L’organizzazione del terrore gulenista”. Inizia una caccia alle streghe contro i suoi sostenitori.

Le televisioni legate o sostenitrici di Gülen vengono chiuse, i giornalisti arrestati, chiuse anche molte strutture private d’insegnamento preuniversitario, sostenute dal movimento dell’uomo che è incoronato da Forbes come una delle figure più influenti del mondo musulmano.

Ma i turchi scendono in piazza e Gülen dichiara:

“Ho ringraziato Dio, siamo nella buona strada, camminiamo lungo il tracciato voluto da Dio. La nostra missione è quella di comprendere le persone e riunirle secondo valori condivisi a livello internazionali. “.

Giorni fa, Erdogan ha fatto mea culpa per i trascorsi di amicizia con Gülen:

“Penso a quei ciarlatani che usano la propria saggezza , la propria coscienza, le propria testa per cose sospette, chiedo, come chiese Dio ai suoi seguaci: “Non avete un cervello?, non avete un pensiero? È arrivato il tempo di combattere queste persone”.

Il caso Gülen potrebbe avere ripercussioni anche a livello internazionale, in modo particolare tra Ankara e Washington, che finora ha rifiutato di estradare l’uomo.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo