ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Brexit, possibile crollo della sterlina: tutti a comprare euro e dollari

economia

Brexit, possibile crollo della sterlina: tutti a comprare euro e dollari

Pubblicità

Il tempo per riflettere su come votare nel referendum sull’Unione europea a questi cittadini britannici non è mancato. Tutti in coda a Londra davanti agli sportelli dei cambia valute per fare incetta di euro e dollari prima delle vacanze estive. Ma, soprattutto, prima che un eventuale vittoria della Brexit faccia crollare il valore della sterlina nei confronti delle altre valute.

“Mio padre mi ha chiesto di prendergli degli euro, in previsione di un tonfo del cambio, perché deve partire per la Spagna”, dice Mark, impiegato di banca. Gli fa eco Chris, consulente finanziario: “Andrò a vedere gli europei di calcio settimana prossima, per cui volevo solo prendere un po’ di euro prima del referendum”. Soltanto questo martedì le vendite di valuta estera presso le filiali del Post Office Travel Money, che copre un quarto delle transazioni nel Paese, sono salite del 49% rispetto all’anno scorso.

“A fine agosto vado in America. Ho pensato fosse meglio prendere dollari adesso. Non troppi, ma se la sterlina collassa, allora potrebbe costarmi anche cento sterline, per cui ho pensato di muovermi ora”. Solo vacanzieri previdenti, allora? Qualcuno ammette candidamente di voler difendere il proprio potere d’acquisto. A prescindere, queste decisioni sono state premiate dalle ultime fluttuazioni del cambio, che hanno visto la sterlina recuperare su dollaro ed euro.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo