ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Euro: prime condanne per le violenze a Marsiglia, carcere anche per sei britannici

mondo

Euro: prime condanne per le violenze a Marsiglia, carcere anche per sei britannici

Pubblicità

Dieci tifosi sono stati condannati per le violenze commesse nel giorno della partita Russia-Inghilterra a Marsiglia. Fra di loro sei britannici, mentre nessun russo è stato fermato.

Tre e due mesi di carcere rispettivamente per Ian Hepworth e Alexander Booth, oltre all’interdizione dal territorio francese per due anni per aver lanciato bottiglie di vetro contro i poliziotti.

Sdegnato Chris Booth, padre di Alexander: “È una beffa, un sacrilegio, è patetico. Come definire la giustizia francese? È insensato, insensato. C‘è più giustizia in un tribunale fantoccio”.

La pena più pesante – un anno senza condizionale – è stata inflitta a un francese che ha picchiato tre persone.

Marion Dutard, avvocatessa dei due tifosi britannici spiega: “Penso che abbiano voluto pronunciare una sentenza esemplare. Visto che siamo all’inizio degli Europei di calcio forse questa sentenza ha l’obiettivo di limitare quel tipo di comportamenti, di dissuadere eventuali tifosi dal comportarsi in quella maniera nelle prossime partite, di inviare un messaggio a tutti i tifosi potenzialmente violenti”.

Su parte della stampa britannica l’indignazione per il mancato arresto di hooligans russi. Erano centocinquanta, hanno evitato di arrivare in aereo per eludere i controlli – ha spiegato il procuratore di Marsiglia – erano perfettamente addestrati a operazioni ultra rapide e ultra violente.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo