ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Il parlamento tedesco riconosce il genocidio armeno

mondo

Il parlamento tedesco riconosce il genocidio armeno

Pubblicità

Cos‘è un genocidio

Giovedi il parlamento tedesco ha approvato una risoluzione simbolica che definisce “genocidio” l’uccisione di un milione e mezzo di armeni da parte dei turchi nel 1915.

Il tema resta tra quelli più scottanti, soprattutto in questa fase di tensioni tra la Turchia e l’Europa.

La Germania diventa così il ventinovesimo paese a riconoscere il genocidio degli armeni.

La definizione di genocidio

Per le Nazioni Unite il genocidio:http://www.un.org/ar/preventgenocide/adviser/pdf/osapg_analysis_framework.pdf è definito all’articolo 2 della Convenzione sulla prevenzione delle pene e dei crimini di genocidio.

In base a questi criteri, il genocidio risulta come “un atto che intenda distruggere, in tutto o in parte, un gruppo etnico, razziale o nazionale: a) compiendo assassinii sistematici dei suoi membri; b) ferendo, fisicamente o moralmente, i membri del gruppo; c) imponendo condizioni di vita che possano portare alla distruzione anche solo in parte del gruppo; d) impedendo nuove nascite all’interno del gruppo; e) trasferendo con la forza i nenonati presso gruppi diversi da quelli in cui sono nati”.

Applicando queste norme é punibile non solo il delitto di genocidio in sé, ma anche l’associazione a delinquere per commettere genocidi, o per incitare a commettere genocidio, o per fornire aiuto al genocidio.

La Convenzione del 1948 segnala che il genocidio può essere commesso tanto in tempo di guerra che di pace.

La posizione turca

La Turchia riconosce che molti armeni di religione cristiana siano stati massacrati negli scontri con gli Ottomani durante la Prima guerra mondiale.

Ankara tuttavia nega che le vittime siano state centinaia di migliaia e che gli ordini delle autorità ottomane fossero rivolti a cancellare la presenza armena.

La redazione di Istanbul di Euronews scrive che Ankara ha timore di un uso strumentale e politico di questo tema, e accusa non meglio specificate lobbies di premere sui parlamenti di tutto il mondo. Il governo turco da tempo propone l’istituzione di una commissione di storici per far luce sul periodo in questione, e non fa mistero di considerare “i politici poco adatti a compredere gli avvenimenti reali”. La proposta turca tuttavia non ha trovato il consenso di Yerevan.

I paesi che hanno riconosciuto il genocidio armeno

Prossimo Articolo