ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Euro 2016, Ronaldo vale quattro volte l'Ungheria

Sport

Euro 2016, Ronaldo vale quattro volte l'Ungheria

Pubblicità

Se il calcio si giocasse coi milioni del valore dei cartellini, Cristiano Ronaldo batterebbe, da solo, l’Ungheria 4 a 1. Il portoghese del Real Madrid ha, infatti, un valore di mercato di 104 milioni, contro i 28 dell’intera compagine magiara.

Non solo, sempre stando ai prezzi di trasferimento, l’attaccante che ha appena sollevato la Coppa dei Campioni a San Siro potrebbe affrontare assieme Ungheria, Irlanda del Nord e Islanda e spuntarla ancora (104 milioni contro 103).

I calcoli compiuti da Ing su dati di Transfermarkt vedono, sommando i valori dei 23 della rosa, sul podio di Euro 2016 nell’ordine, Spagna (658 milioni di euro), Germania (566) e Francia (493).

Per l’Italia appena il sesto posto, con 314 milioni di euro. In barba a una tradizione che pur non ha lesinato nella storia piedi buoni e che pure nella compagine disegnata da Antonio Conte qualcuno ne annovera (Candreva, El Shaarawy, Bernardeschi, Insigne), è quella dei difensori a prevalere, dato che il nostro giocatore di maggior valore è il roccioso juventino Bonucci, che vale 28 milioni (quanto l’Ungheria, insomma).

Nella classifica dell’attaccamento dei tifosi, invece, nessuno pare battere i turchi. Il 54% di essi sarebbe disposto a rinuncare all’1% dei propri guadagni per veder trionfare la nazionale.

Inoltre il 42% sarebbe disposto, per festeggiare un ritorno vittorioso dalla Francia, a rinunciare al proprio smartphone per un mese. Ipotesi che, più di tutti, lascia freddi gli olandesi (il 13%), ma anche gli italiani (20%).

Il 71% degli olandesi interpellati, inoltre, non avrebbe alcuna intenzione di sborsare nemmeno un euro se fosse disponibile un biglietto per la loro squadra in finale. Il 23% dei turchi, per contro, sarebbe disposto a spendere più di 200 euro. Gli italiani disinteressati sarebbero il 54%, mentre il 7% sarebbe disposto a spendere tra i 100 e i 200 euro e il 4% a superare tale cifra.

“Dopo che hai vinto un paio di volte sei più a tuo agio e forse ti ci sei abituato. Se non hai mai avuto un’esperienza del genere, puoi godertela molto di più” dice Ian Bright, economista senior di Ing.

Ma i “favoriti dal portafoglio” stiano attenti. Quest’anno il Leicester, campione in Inghilterra, è tornato a far credere che i soldi non siano tutto anche nel calcio. Che sia di nuovo tempo, come la Danimarca 1992, di una sorpresa anche agli Europei?

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo