ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Forse un centinaio i dispersi nel naufragio al largo della Libia

mondo

Forse un centinaio i dispersi nel naufragio al largo della Libia

Pubblicità

Mancano almeno un centinaio di persone all’appello dopo il naufragio di mercoledì al largo delle acque libiche. I sopravvissuti, soccorsi e trasferiti a Lampedusa, raccontano di un peschereccio carico di almeno 650 migranti.

Ufficialmente i morti sono 5. Ma potrebbero essere decine le persone scomparse mentre i soccorritori cercavano di intervenire.

“Ho gridato, ho utilizzato tutti i dispositivi acustici a nostra disposizione per entrare in contatto con loro – racconta il capitano Francesco Iavazzo – Dicevo: “Ascoltatemi, sedetevi, fidatevi di noi vi veniamo a salvare tutti”. Ma non è stato sufficiente. Mentre la nostra nave si avvicinava la gente ha continuato a muoversi, a saltare in acqua e a nuotare verso di noi. A quel punto li abbiamo recuperati”.

A questo dramma se ne è aggiunto già un altro sempre di fronte alle coste libiche: un nuovo naufragio dove si contano almeno una trentina di morti.

Nel Canale di Sicilia intanto continuano gli sbarchi. Oltre 4.100 le persone soccorse e messe in salvo solo nella giornata di giovedì, in 22 operazioni di intervento. Salvato anche un piccolo di 5 anni, rimasto orfano.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo