ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lavrov in Ungheria per ottenere la fine delle sanzioni UE contro Mosca

La Russia spera nell’Ungheria per ottenere la fine delle sanzioni europee e invia a Budapest Sergei Lavrov.

Lettura in corso:

Lavrov in Ungheria per ottenere la fine delle sanzioni UE contro Mosca

Dimensioni di testo Aa Aa

La Russia spera nell’Ungheria per ottenere la fine delle sanzioni europee e invia a Budapest Sergei Lavrov.

allviews Created with Sketch. Point of view

""Abbiamo ciò che ci serve per superare le difficoltà causate dalle sanzioni""

Sergei Lavrov Ministro degli esteri russo
Il ministro degli esteri di Mosca ha incontrato il suo omologo ungherese e il presidente Viktor Orbán.

Il primo ha affermato che la decisione europea sull’eventuale estensione delle sanzioni oltre luglio dovrà essere discussa apertamente.

Lavrov precisa intanto che Mosca può andare avanti nonostante l’embargo. “Abbiamo tutto ciò che ci serve per risolvere le difficoltà oggettive causate dalle sanzioni – assicura – e per dipendere meno dalle condizioni politiche attuali, specialmente quando sono causate da mosse anti-russe da parte di alcuni leader occidentali.”

Le sanzioni contro Mosca per il suo intervento in Ucraina hanno danneggiato l’Ungheria, le cui aziende hanno perso circa 4 miliardi di dollari.

András Deák, un esperto dell’Istituto di economia internazionale di Budapest, commenta: “Finora non abbiamo visto l’Ungheria opporsi direttamente al sistema delle sanzioni, sebbene Budapest lo critichi molto apertamente. Quando si tratta di votare, però, in un modo o nell’altro votiamo ancora sì o almeno non votiamo no. Penso che i russi vorrebbero cambiare questa situazione e ottenere un vero passo da parte dell’Ungheria.”

Andrea Hajagos, corrispondente di euronews a Budapest, sottolinea: “Sergei Lavrov ha incontrato Viktor Orbán qui nel palazzo del Parlamento. Non sappiamo esattamente di cosa abbiano parlato nel loro incontro privato, ma secondo alcuni esperti, sembra che questa visita sia ancora più importante per i russi ora, poche settimane prima della prossima decisione dell’Ue sulle sanzioni.”