ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Judo, GP Tbilisi: sorrisi azzurri, Giuffrida d'oro, Basile d'argento

Ha aperto i battenti il Grand Prix di Tbilisi 2016, fondamentale per le qualificazioni ai prossimi Giochi Olimpici di Rio. Pedro Lasuen: “Negli anni

Lettura in corso:

Judo, GP Tbilisi: sorrisi azzurri, Giuffrida d'oro, Basile d'argento

Dimensioni di testo Aa Aa

Ha aperto i battenti il Grand Prix di Tbilisi 2016, fondamentale per le qualificazioni ai prossimi Giochi Olimpici di Rio.

Pedro Lasuen: “Negli anni ’70, il torneo di Tbilisi era il più reputato al mondo. Da allora è stato fonte d’ispirazione per coloro che inseguono l’eccellenza. Oggi, anche le donne combattono, ma a parte questo, nulla è cambiato. Vincere qui è ancora difficile perché la Georgia è la terra del judo”.

Tra le donne -48 kg, la vittoria è finita nelle mani di Monica Ungureanu. La 27enne rumena, che ai quarti aveva eliminato l’azzurra Valentina Moscatt, ha avuto la meglio per ippon sulla judoka della Guinea Bissau, Taciana Lima.

L’Italia si è rifatta nella categoria superiore, grazie a Odette Giuffrida.
La romana, numero tre del tabellone, ha trovato nell’atto conclusivo l’israeliana Gili Cohen. Ci sono voluti 55 secondi di golden score, per assegnare la vittoria, la prima in carriera, alla giovane promessa azzurra.

Tra le donne -57 kg, a salire sul gradino più alto del podio è stata Rafaela Silva. La brasiliana, campionessa ai Mondiali casalinghi del 2013, si è imposta in finale sulla kosovara Nora Gjakova. Un juji-gatame a 90 secondi dal termine, ha regalato il successo alla sudamericana.

Primo trionfo in carriera per Diyorbik Urozboev, nella categoria -60 kg. Il 22enne uzbeco, già finalista due anni fa nel Grand Prix di Tashkent, si è rifatto sul tatami georgiano, sorprendendo Amartuvshin Dashdavaa. Un ippon ha condannato il mongolo.

Altra gioia per l’Italjudo, con Fabio Basile che si è messo al collo la medaglia d’argento nella categoria uomini -66 kg. Il 21enne azzurro, detentore del titolo Under 23, ha ceduto in finale al padrone di casa Vazha Margvelashvili. A poco più di un minuto dal termine, il georgiano ha sferrato il waza-ari decisivo, che gli ha consegnato la vittoria.

Niente podio, ma una giornata ricca di emozioni per la connazionale Mariam Janashvili, tra le donne -52 kg.

La georgiana è stata la sorpresa di questo venerdi. La numero 165 del mondo è arrivata in semifinale, grazie al successo sulla terza judoka del ranking, la brasiliana Erika Miranda.

L’immagine del giorno è l’ippon messo a segno al secondo turno dal vincitore della categoria uomini -66 kg, Vazha Margvelashvili, sull’ucraino Georgii Zantaraia.