ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il PSG campione, gli altri grandi in scia e la sorpresa Watford

Ibrahimovic trascina i suoi al successo con un anticipo senza precedenti. Inarrestabili anche Bayern Monaco e Barcellona. Ma con un tallone d'Achille...

Lettura in corso:

Il PSG campione, gli altri grandi in scia e la sorpresa Watford

Dimensioni di testo Aa Aa

I quarti di finale di Champions League non sono ancora iniziati e i campionati europei laureano già i primi vincitori. È il caso del Paris Saint Germain, che con il successo fuori casa sul Troyes ha conquistato con largo anticipo il suo quarto titolo consecutivo. Anche in Germania e Spagna i primi della classe sembrano però sulla stessa strada: Barcellona e Bayern Monaco chiariscono che se si tratta di segnare… non hanno rivali!

A suon di gol

Vince il PSG, ma… perde il campionato?

Il PSG dei record seppellisce il Troyes e già si assicura il titolo di Campione di Francia. Nove le reti con cui l’undici di Laurent Blanc si assicura il quarto scudetto consecutivo e il sesto della sua storia: mai una squadra europea aveva vinto i campionato con così largo anticipo. Otto le giornate ancora da giocare, ma l’interrogativo è d’obbligo: che lo schiacciasassi parigino non abbia “ucciso” il campionato?.

Barcellona spietato. Salvo dal dischetto

Pioggia di reti e punteggio tennistico al Camp Nou, dove un impietoso Barcellona stende il Getafe per 6-0. Tutto facile per i Blaugrana, che dopo un autogol degli avversari ingranano il turbo e avanzano alla media di un centro ogni dieci minuti. Messi si permette anche di sbagliare un rigore, ma è appena un’ombra in questa sagra del gol. E il risultato è una cifra tonda, che fa sorridere Luis Enrique e lascia poco sperare agli inseguitori.

Bayern a tutta forza. Anche a organico ridotto

Inarrestabile anche se incerottato, il Bayern Monaco dimostra di saper stravincere anche nonostante il turn-over. Contro un Werder Brema abbottonatissimo, l’undici di Guardiola cala un poker che già spaventa la Juventus in vista del ritorno degli ottavi di Champions. Match subito in discesa per i bavaresi, con Thiago in rete al nono, che poi al novantesimo corona con il quinto sigillo la doppietta di Thomas Müller e la zampata di Lewandovski.

Ibrahimovic nella storia, Diego Costa da dimenticare

Chi sono i protagonisti da ricordare della scorsa settimana e quali vanno invece dimenticati? Le risposte nella nostra consueta rubrica “Up & Down”.

Straripante Ibrahimovic

Quattro reti solo nella sagra del gol contro il Troyes e ventisette dall’inizio della stagione. In ascesa verticale le azioni di Zlatan Ibrahimovic: ariete che con i suoi numeri ha trascinato il PSG a festeggiare lo scudetto con un anticipo senza precedenti. Su Twitter la sintesi del quotidiano sportivo francese, L‘Èquipe: “Zlatan domina senza rivali”.

Lo sgambetto di Watford nella corte dei grandi

Sorride anche il Watford, che in Coppa d’Inghilterra infligge un’umiliante 2-1 all’Arsenal, all’Emirates Stadium. Incontro da dimenticare per gli uomini di Arsene Wenger, che abbandonano ai quarti il sogno di replicare il successo degli ultimi due anni.

Diego Costa da dimenticare

Cartellino rosso per Diego Costa, che sempre in Coppa d’Inghilterra ha fatto parlare di sé nel peggiore dei modi. Assolto da un avversario per un presunto morso che gli avrebbe dato durante il match contro l’Everton, sembra però che l’attaccante del Chelsea si sia poi rifatto sputando all’arbitro.

Il tallone d’Achille del Barcellona

Nonostante la valanga di reti che ha messo a segno, anche il Barcellona ha un (nascostissimo) tallone d’Achille: la sua la scarsa precisione dal dischetto. Quello sbagliato da Messi contro il Getafe è l’ottavo su sedici rigori, che la Pulce non è riuscita a trasformare per i Blaugrana.

L’Euro si avvicina, ricordiamo l’Euro

Con l’Euro 2016 che si avvicina, dedichiamo la nostra rubrica “Road to Euro” alla nazionale che ha vinto le due ultime edizioni. L’interrogativo sulla bocca di tutti è se le Furie Rosse saranno in grado di ripetersi in Francia. Vediamo però intanto quando tutto è iniziato.

Una generazione di campioni

Durata quarantaquattro anni, l’attesa della Spagna per una vittoria agli Europei si è conclusa nel 2008, quando gli uomini di Luis Aragones hanno coronato con un 1-0 in finale contro la Germania una competizione che avevano ampiamente dominato. Primo successo di una lunga serie, che porterà alla ribalta una generazione di campioni, che negli anni successivi si dimostreranno senza rivali. Appena due anni dopo la Coppa che Capitan Casillas alzerà al cielo sarà quella del mondo.

L’angolo dei pronostici

Questa settimana scopriremo quali squadre accederanno ai quarti di Champions League. Eccovi i pronostici della redazione sportiva di euronews. Fateci pervenire i vostri su Twitter; scrivendoci, come sempre, con l’hashtag #TheCornerScores”.

Atletico Madrid-PSV Eindhoven 2-0
Manchester City-Dinamo 3-1
Barcellona-Arsenal 3-0. Bayern Monaco-Juventus 2-1

Il passaggio impossibile

Segnare un gol non è sempre facile quanto sembra. Ancora meno, se il passaggio proviene poi da un grattacielo di 74 metri. È la sfida raccolta da alcuni giocatori della squadra norvegese del Rosenborg. Le immagini di questo “assist impossibile” nella nostra rubrica “Corner Bloopers”.