ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scontro Apple-Fbi nuoce agli accordi tra Usa e Ue su protezione dati

Apple ottiene una prima vittoria nella sua battaglia legale contro l’Fbi. Un giudice di Brooklyn ha stabilito che il governo statunitense non ha

Lettura in corso:

Scontro Apple-Fbi nuoce agli accordi tra Usa e Ue su protezione dati

Dimensioni di testo Aa Aa

Apple ottiene una prima vittoria nella sua battaglia legale contro l’Fbi.

Un giudice di Brooklyn ha stabilito che il governo statunitense non ha diritto di chiedere all’azienda di Cupertino di violare la password dell’iphone di un trafficante di droga per accedere ai dati in esso contenuti.

Una sentenza che potrebbe aiutare Apple a motivare il suo rifiuto di aiutare l’Fbi nelle indagini sul killer di San Bernardino.

La vicenda minaccia di logorare ulteriormente il rapporto di fiducia tra Stati Uniti e Unione europea, già compromesso dai documentati casi di spionaggio da parte della National Security Agency.

Secondo il Garante europeo della protezione dei dati, Giovanni Buttarelli, “la maggioranza dei cittadini dell’Unione ritiene che la sicurezza dei dati personali sia essenziale. Cosa succederebbe – ha detto a euronews – se, smantellando i sistemi posti a tutela della privacy, permettessimo agli hacker di accedere alle nostre informazioni più riservate? Sarebbe un grosso errore”.

La vittima collaterale di questo scontro potrebbe essere il nuovo accordo Privacy Shield tra Stati Uniti e Unione europea.

Il testo punta a garantire che i dati dei cittadini europei siano tutelati in America come lo sono nel Vecchio continente. Ma la sua approvazione non è scontata.